TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 676 del 15 settembre  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: Il quinto potere Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
IL QUINTO POTERE

Il quinto potere, di Bill Condon, con Benedict Cumberbatch, Daniel Bruhl, produzione Usa, anno 2013, genere drammatico, durata 129 minuti.

  Juliane Assange, con il suo socio Daniel Domscheit Berg, svela in forma anonima  sulla propria piattaforma Wikileaks (con files copiati via metodi hacker da sistemi informatici degli organi di Stato) gli orrori di un sistema di potere e di privilegi riguardanti le guerre in Afghanistan e in Iraq dove tra l'altro sono stati uccisi civili e giornalisti indifesi sotto la copertura del governo americano. 

Viene arrestato Bradley Manning  militare responsabile della fuga di documenti, dopo di che i servizi segreti faranno di tutto per fermare Juliane Assange e Daniel Domscheit Berg e distruggere la piattaforma Wikileaks.

Accusato, tramite un lavoro accurato di indizi dei servizi segreti, di violenza sessuale Assange viene abbandonato dai suoi fedeli e cade in depressione,  si rifugia nell'ambasciata dell'Equador di Londra che a conoscenza  della sua fama gli concede asilo politico.

 Assange ormai sotto l'occhio del ciclone dei più oscuri poteri di Stato, viene sistematicamente attaccato con metodi pseudo-legali, miranti a dare un'immagine di lui irrispettosa delle leggi, il fine è di isolarlo pubblicamente e intimidirlo portandolo a desistere dal continuare il suo lavoro nella piattaforma, nessuno però avrà mai intenzione di ucciderlo, nonostante il pesante danno da lui creato alle istituzioni agenti nella segretezza, perché l'omicidio è ritenuto dalle istituzioni di Stato americane controproducente in quanto Assange era molto noto nel mondo.  

Film riuscito, nonostante le distanze prese dalla critica cinematografica, quella editorialmente più affermata, il film è apprezzabile perché riesce ad essere nello stesso tempo un racconto di denuncia, indubbiamente ben documentato, e un thriller informatico stringente dal linguaggio fotografico penetrante molto comunicativo lontano dal pericoloso bordo che guarda in giù verso il familiarismo tipico della soffocante immagine da telefilm, ciò è dovuto alla abilità di Condon nel non schierarsi e inventare di volta in volta ciò che poteva essere compatibile con le forme del documentarismo che si stagliano sullo sfondo della pellicola. 

Il film prende informazioni dettagliate e ispirazione cinematografica dai due libri: Inside Wikileaks my time with Julian Assange di Daniel Domscheit Berg, e Inside Julian Assange's war on secrecy di David Leigh e Luke Harding: Vogliono fermarlo

       Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information