TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 673 del 21 luglio  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: In ostaggio Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
In ostaggio

In ostaggio, di Pieter Jan Brugge, con Robert Redford, Wilem Dafoe, Helen Mirrer, produzione Usa-Germania, anno 2004, genere psico-thriller, durata 95 minuti. Sceneggiatore Justin Haythe 

 Il film trae ispirazione da un fatto vero accaduto in Olanda tempo fa anziché negli Stati Uniti.

 Talentuoso industriale statunitense di nome Wayne Hayes (Robert Redford), di umili origini, sposato con figli, diviso affettivamente tra la intelligente moglie Eileen (Helen Mirrer) e una cara amica bisognosa di aiuto, esistenzialmente inquieto e psicologicamente molto problematico per via di un passato che la povertà ha complicato, è preso di mira da un suo ex dipendente (Wilem Dafoe),  a suo tempo licenziato, l'uomo  invidia la vita del ricco Wayne giudicata non per quello che effettivamente è, ma per come lui se la immagina, cioè felice. 

Wayne viene a un certo punto da lui rapito e, sotto la minaccia di una pistola, portato poi a piedi in un bosco. I due devono raggiungere un punto di ritrovo situato molto in alto, in un capanno, dove sono attesi da altri complici del rapinatore.

 Il lungo percorso vede protagonisti  dialoghi impregnati di odio e di risentimenti, caratterizzati da una sincera seppur violenta sincerità. Emergono odi di classe, invidie verso la ricchezza sia  quella di origini legali sia quella  non, fantasmi inconsci aggressivi basati sulla presunta facilità di rapporti del ricco con le persone, filosofie etiche sulla ricchezza giusta e quella ingiusta, confessioni sulla fragilità del ricco nell'affrontare la vita quando essa chiede attraverso persone  in grosse difficoltà  qualcosa che il benestante non può dare. 

Un dialogo attraversato anche da equivoci di ogni genere sia sullo stato psicologico ed esistenziale di uno che dell'altro. Per Wayne verrà chiesto alla famiglia un riscatto in dollari molto alto, ma una tragedia sfiorata e una compiuta renderanno i soldi della liberazione, alla fine effettivamente sborsati dalla famiglia, inutilizzabili: sia per sensi di colpa legati alla responsabilità di quanto accaduto che per bisogno pratico di punizione da parte del rapitore che a causa di ciò  cadrà facilmente nella trappola tesa dalla polizia.

Splendido thriller psicologico, che sa fondere i dialoghi teatrali che lo caratterizzano con atmosfere di suspense ben costruite nella sceneggiatura e nella pratica. Eccellente quindi sceneggiatura, che vale da solo trequarti del film: per sapienza dei dialoghi impostati, per verismo espressivo immaginato e suggerito per la recita, per intrecci ad ellissi ben dosati che suscitano una curiosità intensa e sana la cui sete si soddisferà, rilasciando commozioni indicibili, solo negli ultimi secondi del finale.

Buona regia. Preoccupante fiasco al botteghino, aspetto questo che preannuncia nuove mentalità in arrivo: sdegnose di tutto ciò che nel cinema da intrattenimento  fa anche cultura?

       Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information