Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Lettura di un'immagine: Crocifissione Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 36 
Crocifissione
Olio su tela (1941) di Renato Guttuso
Galleria d’arte moderna – Roma
 

“Questo è tempo di guerra e di massacri: gas, forche, decapitazioni, voglio dipingere questo supplizio del Cristo come una scena di oggi. Non certo nel senso che Cristo muore ogni giorno sulla croce per i nostri peccati, ma come simbolo di tutti coloro che subiscono oltraggio, carcere, supplizio per le loro idee”. 

Così scriveva Guttuso (Bagheria, 26 dicembre 1911 – Roma, 18 gennaio 1987) nel suo diario nel 1942, quando la sua Crocifissione fu classificata seconda nella quarta e ultima -a causa della guerra - edizione del Premio Bergamo promosso da Giuseppe Bottai, Ministro dell’Educazione Nazionale, nel 1939 , in contrapposizione al più ortodosso Premio Cremona, istituito dal gerarca Roberto Farinacci l’anno precedente.

L’opera non piacque  per niente alle gerarchie ecclesiastiche e nemmeno alla critica accademica, ma ci sarebbe da stupirsi del contrario: nessuna convenzione su questo tema  è rispettata, non vi si trova la minima traccia dell’iconografia sacra tradizionale della Passione, tuttavia sono numerosi i riferimenti ai testi evangelici: le mani di Gesù trafitte dai chiodi, la corona di spine che si intravede appena, la ferita ancora sanguinante nel costato, la spugna in cima a un’asta e i dadi in mano al soldato che ha vinto la tunica rosso sangue del Redentore; quanto al resto, a cominciare dalla disposizione delle croci commisse, è tutto sconvolto.  A un primo sguardo non si distingue neppure la figura del Cristo, seminascosta da un braccio della croce su cui è legato il ladrone rosso cupo visto di schiena  e dal corpo nudo della Maddalena che si protende lungo l’asse della croce per abbracciare il Cristo morto.

Questa nudità della Maddalena e di altre figure  insieme alla strana posizione defilata del Cristo in secondo piano è stata interpretata come  un oltraggio deliberato alla sacra rappresentazione, come una vera e propria bestemmia, tanto che il vescovo di Bergamo, monsignor Bernareggi  bollò l’artista siciliano con il titolo di Pictor diabolicus e interdisse l’accesso alla mostra “a tutto il clero della diocesi ed a quello di passaggio, pena la sospensione a divinis ipso facto”. Tanta severità ci suona eccessiva oggi, abituati come siamo a trasgressioni ben più estreme e discutibili (penso alla Rana crocifissa del geniale ma sfortunato artista tedesco Martin Kippenberger, allaDonna crocifissa dell’estroso e fortunato provocatore padovano Maurizio Cattelan e al volutamente scandaloso Crocifisso nell’urina del fotografo thrash americano  Andres Serrano) ma non si può negare che Guttuso abbia completamente secolarizzato il tema della Passione: anche il corpo esanime del Cristo è quello di un uomo tra altri uomini torturati e uccisi per le loro idee e la loro ribellione ai potenti di turno (significativi quei pugni chiusi del Cristo e di uno dei due ladroni) , e le tre Marie sono donne del popolo che si disperano per la morte dell’amato morto in croce.  

Scriverà il pittore nell’aprile del 1965 su “Il Contemporaneo” a sua giustificazione: “La nudità dei personaggi non voleva avere intenzione di  scandalo. Era così perché non riuscivo a vederli, a fissarli in un tempo: né antichi né moderni, un conflitto di tutta una storia che arrivava fino a noi. Mi pareva banale vestirli come ogni tentativo di recitare Shakespeare in frac, frutto di una visione decadente. Ma, d’altra parte, non volevo soldati vestiti da romani: doveva essere un quadro non un melodramma. Li dipinsi nudi per sottrarli a una collocazione temporale: questa, mi veniva da dire, è una tragedia di oggi, il giusto perseguitato è cosa che soprattutto oggi ci riguarda. Nel fondo del quadro c’è il paesaggio di una città bombardata: il cataclisma che seguì la morte di Cristo era trasposto in città distrutta dalle bombe”. Dal punto di vista formale e stilistico, è evidente il riferimento a Guernica di Picasso e al cubismo, soprattutto per i diversi punti di fuga prospettici e le linee verticali e orizzontali che si intersecano alternandosi con i profili mossi dei cavalli e dei corpi nudi dei cavalieri, della Maddalena e dei tre crocifissi.

Tutto, in questo dipinto, dà l’idea del movimento, a partire dal tavolo in primo piano visto in prospettiva inversa, su cui è posata una specie di natura morta che richiama lo stile di Cezanne, salvo gli strumenti per torturare come i chiodi, le forbici e un coltello. La Crocifissionedi Guttuso non avviene sul Golgota ma in un luogo indeterminato, salvo che per alcuni particolari che fanno pensare alla Sicilia, come il ponte arabo-normanno a gobba d’asino e le casette ammonticchiate sullo sfondo  che ricordano Bagheria Alta. Quest’opera di Guttuso riesce ad armonizzare il Realismo con il Cubismo, con il Fauvismo e con l’ Espressionismo, Picasso con i pittori tedeschi del Cavaliere Azzurro, Ensor con Rosso Fiorentino e con il Trionfo della Morte di Palermo, per questo è considerata il punto più alto dell’arte del maestro siciliano, anche per il valore etico, politico e umano del suo messaggio, valido oggi come ieri e  come sempre.

    FULVIO SGUERSO  

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information