GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 659 del 14 aprile  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: Per qualche dollaro in più Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Per qualche dollaro in più

  Per qualche dollaro in più, di Sergio Leone, con Clint Eastwood, Lee van Cleef,  Gian Maria Volontè, Klaus Kinski, anno 1965, durata 130 minuti, produzione Italia-Spagna, genere western surreale.

 A El paso, il colonnello Mortimer (Lee van Cleef), amante delle armi di precisione, dedito nel tempo libero a incassare taglie messe su delinquenti comuni di quel territorio, vuole vendicare la morte della amata sorella seviziata da El indio (Gian Maria Volontè), criminale maschilista amante del sadismo ritualistico a sfondo narcisistico, che agisce sotto i potenti effetti della droga. 

Il monco (Clint Eastwood) uomo senza nome né passato, abile cacciatore di taglie, arbitrerà il duello finale prendendo atto della  legittimità etica di una sfida che nasce dalle ceneri della giustizia di Stato (avendo le istituzioni fallito nei loro compiti statutari). La scenografia liturgica del duello accompagnata da una musica che evoca un sacro purificatore passerà alla storia del cinema come una delle scene western più coinvolgenti.

Seconda tappa surreale della trilogia del dollaro, nulla di vero c'è in questo film ma la sostanza è tanta, l'inconscio dell'autore da cui proviene l'idea filmica suggerisce immagini visionarie di raro splendore figurativo, elevando i pistoleros a Dei politeisti, capaci di prolungare i piaceri inconsci legati alla mitologia sostituendoli oggi a una realtà quotidiana annichilita da un razionale malinconico e privo di libido. Il veropulsionale dell'inconscio prova a spodestare un reale  troppo ovvio e abitudinario.

Struttura diversa rispetto a Per un pugno di dollari, con una liturgia religiosa più accentuata che conferisce  al surreale il giusto aggancio con un altrove artistico privo di senso ma libidicamente potente.  

Ironia e sarcasmo non mancano, sono sali che conferiscono gusto al liturgico.

        Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information