Settimanale Anno XVI
Numero 716 del 5 LUGLIO 2020
Tel. 346 8046218
Complesso d'inferiorità Stampa E-mail
Scritto da MAURO COSMAI   
 

COMPLESSI D’INFERIORITA’

Mauro Cosmai *


Il complesso d’inferiorità è un termine conosciuto anche fuori dei confini della psicologia. Viene anche usato nella letteratura non tecnica e nel linguaggio parlato, anche per celia quando si vogliono stigmatizzare le difficoltà di chi non si ritiene in grado di affrontare compiti difficili o raggiungere determinati traguardi.

Il complesso d’inferiorità riveste comunque significati ben precisi. A. Adler ai primi del Novecento dello scorso millennio approfondì per primo questa dinamica che all’iniziò definì “sentimento d’inferiorità”; in seguito usò l’espressione “complesso d’inferiorità” per delineare l’intensificazione e l’esasperazione del primo.

Il sentimento d’inferiorità denuncia un’inadeguatezza che nasce però da condizioni oggettive.

Nel bambino infatti questa condizione è normale e collegata al confronto con gli adulti che per chiari motivi sono più forti e potenti dal punto di vista fisico, conoscitivo, strutturale etc. Il bambino, crescendo, dovrebbe gradualmente raggiungere una posizione di parità in rapporto allo sviluppo psicofisico e alla progressiva integrazione nel mondo degli adulti.

L’inferiorità d’organo è un primo fattore scatenante che può portare a livelli patologici il naturale sentimento d’inferiorità: minorazioni, malattie o problemi estetici conducono a un confronto frustrante con i propri simili, ma stavolta con caratteristiche prettamente soggettive: i problemi psicologici possono infatti risultare più lievi in caso di gravi handicap e per contro maggiori anche per lievi menomazioni.

L’esasperato sentimento d’inferiorità è in diretto rapporto alla famiglia d’origine. Criteri educativi troppo rigidi portano all’insicurezza e alla carenza di autostima; una protezione soffocante condurrà invece il minore a confrontarsi in futuro con la realtà esterna (più dura) senza la sufficiente preparazione. Anche l’alternarsi di questi due aspetti educativi non giova di certo all’equilibrio mentale. In aggiunta a livello sociale (pregiudizi, diversità di razza, di religione, colore della pelle) esistono potenti sollecitazioni in grado di alimentare e accentuare i vari sensi d’inferiorità.

Negli adolescenti come negli adulti, infine, la sessualità gioca un ruolo fondamentale nella strutturazione del complesso d’inferiorità, in diretto riferimento a una scala di valori legata non solo all’ambiente ma alla mediazione culturale. Da qui una vasta gamma di compensazioni, vale a dire strategie di stile nevrotico. Ma sono artifici elusivi che non risolvendo i problemi li complicano ulteriormente.

 

   * psicoanalista - sessuologo

    (docente universitario)

 Gli aforismi di Mauro Cosmai

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information