TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 676 del 15 settembre  2019
Tel. 346 8046218
Cyborg, Bertie e gli altri giornalisti robot Stampa E-mail
Scritto da MATTEO BARTOCCI Il Manifesto   

 

Cyborg, Bertie e gli altri giornalisti robot

 

 

A parte la firma in fondo, come potete sapere se è veramente un essere umano ad aver scritto questo articolo e non un robot?

La domanda è meno peregrina di quanto possa sembrare qui in Italia. Il «giornalismo automatizzato» (automated journalism) è ormai una realtà.

Bloomberg ha già pubblicato migliaia di articoli scritti da algoritmi. Un terzo di tutte le notizie pubblicate da questa primaria agenzia finanziaria è stato scritto da un software chiamato «Cyborg», perfetto per digerire dati su bilanci e trimestrali.

 

Nella finanza il tempo è denaro: Cyborg non dorme mai, digerisce le informazioni di borsa e pochi istanti dopo «sputa» una sintesi completa che la redazione (umana, ancora) è in grado di pubblicare immediatamente battendo la concorrenza.

Infatti Cyborg non è solo. Ormai deve vedersela con «Bertie» (il giornalista virtuale di Forbes), «Heliograf» (al Washington Post) e altri rampanti colleghi artificiali creati dall’Ap, dalla Reuters e dal Guardian. Gli usi dell’intelligenza artificiale nelle redazioni sono ormai tanti.

 

Sempre negli Stati uniti, infatti, un altro settore perfetto per il giornalismo automatizzato è quello sportivo, dove i software analizzano i tabellini ufficiali delle partite di baseball, li incrociano con altre fonti di informazione e scrivono articoli di cronaca completi della partita. Un’applicazione ideale, per esempio, per raccontare tornei locali o amatoriali dove mandare un giornalista in carne e ossa sarebbe costoso e impensabile.

 

È difficile dire se il giornalista diventerà un mestiere in estinzione.

Gli ottimisti dicono che i reporter potranno dedicarsi a inchieste e compiti più impegnativi affidando ai robot gli articoli ripetitivi, noiosi o di routine.

Quanto ai pessimisti, invece, non è difficile immaginare cosa pensino.

Di sicuro i giornalisti per primi non sono nemmeno in grado di comprendere i rudimenti dell’intelligenza artificiale, dell’analisi dei dati e degli algoritmi. E rischiano di farsi dettare titolo e «pezzo» dagli informatici. E domani, chissà, da un direttore robot.

 

MATTEO BARTOCCI     Il Manifesto

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information