TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 677 del 22 settembre  2019
Tel. 346 8046218
Diffidate delle imitazioni Stampa E-mail
Scritto da MAURO COSMAI   
 

DIFFIDARE DELLE IMITAZIONI

Mauro Cosmai *

 

Da tempo immemorabile artisti o meno hanno vissuto sulle imitazioni dei più grandi; non stiamo però parlando degli imitatori “professionali” cioè di quelle persone che per mestiere riproducono personaggi conosciuti (non di rado bravissimi e quindi veri artisti) ma di tutti quelli che si accodano alla fama altrui incuranti di una qualche dignità e arrivando sino al patetico.

Per iniziare i figli di grandi attori di cinema e teatro. Con le doverose eccezioni (di regola fuori dei patrii confini) non splendono per nulla di luce propria, solo genitoriale. Pur con evidenti limiti o addirittura privi del talento necessario hanno continuato a calcare le scene, forti dell’atavico nepotismo italiota, con risultati che sfiorano il comico anche quando si vorrebbe essere assolutamente seri. Alcuni hanno cercato in tutto e per tutto di assomigliare anche fisicamente ai padri, manifestando una sorta di talento che in sociologia viene chiamato (quello del) “secondo naturale”. E’ probabile che a livello più o meno inconscio abbiano percepito la loro inadeguatezza e allora non si può far altro che rifarsi ai “mostri sacri” che li hanno generati. E i tremolanti epigoni hanno generato mostruosità.

Sorpassando le parentele strette si assiste, anche o soprattutto nel cinema, a penosi ricalchi di personaggi o coppie famose che comunque hanno sfondato. Risultati ovviamente di serie Z.

Ma il culmine è stato toccato con l’arte culinaria. I primi, tiepidi programmi che propinavano ricette più o meno fantasiose hanno secreto una marea di imitatori più o meno competenti, pronti però ad agitarsi fra padelle e fornelli dispensando saggezza e sapere con la serietà di salvatori dell’umanità (affamata). Ma le pantomime non finiscono qui. Sono arrivati dopo un po’ i grandi “guru” di una cucina a volte improbabile, pronti non solo a illuminare ma a giudicare, spesso con cipiglio duro e strisciante prosopopea, tutti i malcapitati cuochi o aspiranti tali (ma che non hanno giustificazioni) disposti a subire umiliazioni e angherie pur di apparire. E anche in questi casi doppioni a gogò, tronfi e ripetitivi. Miete successi lo chef imponente e autoritario per piatti raffinati? Ecco subito il suo replicante per pizze ultrafarcite altrettanto corpulento e minaccioso.

La più impudica politica televisiva, infine, è pronta a raschiare il fondo di ogni barile. Arriva qualcuno che rimette in vita automobili d’epoca? Ecco subito una schiera di replicanti dediti a esibire i loro capolavori e a spiegare i segreti della meccanica cercando di essere i più originali possibile per prendere le distanze dai “progenitori”.

Sembrano tutte stupidaggini, ma celano non tanto l’attitudine a fare i gregari (che sono degni di ogni rispetto) quanto all’emulazione maldestra  e segnatamente acritica di chi ha avuto per primo l’idea. Ma sono soltanto specchi (ustori) della più sbriciolata quotidianità.

  * psicoanalista - sessuologo

   (docente universitario)

 Gli aforismi di Mauro Cosmai

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information