TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 673 del 21 luglio  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: Il Federale Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
IL FEDERALE

   Il federale, di Luciano Salce, con Ugo Tognazzi, George Wilson, Mireille Granelli, Stefania Sandrelli, anno di produzione 1961, durata 100 minuti. 

 Seconda guerra mondiale. Maggio 1944, gli americani sono alle porte di Roma, il popolo romano spera nella liberazione, ma tanti fascisti militanti sono convinti che il potere di Mussolini durerà ancora a lungo. Un graduato della milizia, Primo Arcovazzi, uomo fortemente motivato, che vive e opera tutto intinto di mistica fascista, deve prelevare dall'Abruzzo e riportare a Roma il professor Erminio Bonafè, noto intellettuale antifascista di caricatura nazionale. 

Se al miliziano l'impresa riesce gli viene assicurata l'ambita nomina fascista a Federale.  

Arcovazzi, orgoglioso dell'incarico, è pronto ad affrontare senza paura la non facile impresa. E parte, armato di buone speranze a bordo di un sidecar. 

Arcovazzi preleva il Bonafè, ma il viaggio verso Roma in sidecar non sarà per niente facile. L'Italia è attraversata dalla fame, da infiniti altri disagi, dall'odio fratricida di massa, dal disprezzo per lo straniero invasore (i nazisti), dalla speranza in molti di poter presto giungere a compiere vendette personali e di gruppo contro i fascisti, grazie alle numerose operazioni militari messe in campo dagli americani per fronteggiare fascisti e nazisti. 

Si prevede  negli ambienti antifascisti che in tempi brevi possa esserci  una svolta decisiva della guerra a favore degli alleati per la libertà.  

Le avventure che caratterizzeranno il  viaggio, con meta Roma, del miliziano Arcovazzi e dell'intellettuale antifascista Bonafè, saranno tali da dare allo spettatore  una straordinaria linfa culturale in forma visiva; ossia la comunicazione di una sorta di libro-immagini con pagine che gli scorreranno automaticamente e comodamente davanti. Cosa che sarà molto apprezzata dagli amanti del cinema. 

Tutto ciò che capita al miliziano e all'intellettuale antifascista  rifletterà infatti situazioni profonde di un momento storico che risulterà per la storia del nostro paese indimenticabile.

Le peripezie del ritorno a Roma dei due sono costruite e immesse  nella sceneggiatura come vere strutture cardini del film, ricche di significati, riguardanti gli effetti finali in Italia di quella assurda, inutile, devastante guerra mondiale. 

Ciò avviene attraverso la rappresentazione di scene simboliste e metaforiche, ma anche di realismo diretto, capaci per intensità drammatica, di richiamare questioni sociologiche, psicologiche, economiche, di costume, di commozione popolare, tipiche di quei  drammatici anni (1944-1945). 

Da sottolineare, sullo sfondo, l'efficace dialogo da intrattenimento,  tra il miliziano e il professore; che è un parlare ricco di satira, umorismo, paradossi verbali, ironia; addirittura esso appare in certi momenti irresistibile.

  Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information