Settimanale Anno XVI
Numero 702 del 29 marzo 2020
Tel. 346 8046218
Cinema: Il senso di Smilla per la neve Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Il senso di Smilla per la neve

  Il senso di Smilla per la neve, di Billi August, con Julia Ormond, Gabriel Byrne, Germania, anno 1996, genere drammatico, durata  121 minuti.

 Copenaghen.  Smilla Jasperson è un'esquimese nata in Groenlandia e trasferitasi da tempo a Copenaghen, il caso le fa incontrare il piccolo Isaiah vicino di casa, dell'età di sei anni, con il quale nasce una bella amicizia. Il bambino, affetto da sordità, è figlio di una donna alcolizzata groenlandese rimasta vedova. 

 Quando il piccolo Isaiah viene trovato morto sull'asfalto per una caduta dalla sommità del suo palazzo, Smilla, angosciata, vuole subito conoscere la causa di quella morte. Osserva insieme alla polizia le impronte sulla neve lasciate dal bambino lungo lo spiazzo del tetto piatto, e capisce dalla loro disposizione lineare a piè di fuga verso il bordo del palazzo,  che esse appartengono a un corpo posseduto dalla paura e non dal desiderio  di giocare, cosa che, a differenza della polizia, la porta a escludere la morte accidentale. Smille  indignata per come la polizia indaga sul caso, decide  di  interessarsi personalmente sui motivi di quella morte. 

 Scoprirà che Juliane, la madre di Isaiah, in seguito alla misteriosa morte del marito, sommozzatore, avvenuta  durante un lavoro di immersione in Groenlandia, riceve una pensione da vedova troppo alta, e verrà anche a sapere che la pensione è stata elargita dai datori di lavoro del marito che fanno capo a una potente società dalle finalità non sempre chiare. 

 Superando l'ostilità del padre Moritz, affermato medico, e grazie all'aiuto di un giovane che vive nel suo palazzo e di cui diventa la fidanzata, Smilla tenta di ricostruire gli intrecci e gli scopi di una missione segreta avvenuta trenta anni prima in Groenlandia organizzata da quella società stessa, cosa che la costringe a imbarcarsi di nascosto su una nave laboratorio  noleggiata dalla società e diretta per lavoro nei luoghi ghiacciati della Groenlandia, precisamente dove il sommozzatore, padre di Isaiah, aveva trovato la morte. 

 Sulla nave viaggiano oscuri scienziati prezzolati, Smilla scoprirà, entrando di nascosto nei  vani a loro riservati, e visionando alcune  video conferenze, che  essi stanno studiando, in un tunnel ghiacciato di una zona della Groenlandia dove sono diretti, un meteorite particolare, che stranamente è sempre caldo, un masso di roccia caratterizzato da una forte e misteriosa attività molecolare, caduto tempo fa proprio in quella zona. E' un corpo astrale che emette un'enorme energia, sorgente dal suo centro vuoto. Gli scienziati pensano di poter giungere in breve tempo a immagazzinare tale energia per immetterla poi sul mercato libero realizzando così altissimi profitti. 

 Per far ciò occorre portare il meteorite vicino alle zone industriali delle città. C'è però un grosso problema,  il masso astrale ha riattivato per vie sconosciute la vita di vermi microscopici conservati inerti nell'acqua da millenni, gli scienziati non sanno come combatterli, si sa solo che essi quando riescono a entrare all'interno dell'organismo umano lo uccidono in breve tempo.

Sono vermi che se lasciati liberi di diffondersi sono capaci di sterminare folle di cittadini adulti. Solo i bambini resistono al verme grazie a un sistema immunitario più efficace. 

Il padre del piccolo Isaiah, sommozzatore, lavorava per quel pericoloso progetto, e venne colpito dal verme durante una delle sue numerose immersioni, dopo di ché  aveva  manifestato  difficoltà nel muoversi in acqua,  tornando poi in superficie ormai svenuto. Il piccolo Isaiah vedutolo emergere privo di sensi si era lanciato  in acqua per soccorrerlo, ma si era a sua volta infettato, riuscendo successivamente a rimanere in vita solo perché molto giovane. 

 La sua  vita però rimaneva in pericolo per via umana, Isaiah era diventato uno scomodo testimone del crimine che si stava per compiere verso intere città, non poteva quindi, visti gli interessi in gioco, che iniziare una spietata caccia per sopprimerlo. 

Smilla, aiutata da un uomo del governo, tenterà di far fallire quel criminoso progetto. I due  cercheranno di far saltare in aria tutto il laboratorio sistemato sui ghiacci, insieme al meteorite, e di consegnare alla giustizia i diversi assassini.

Smilla, che vuol vendicare personalmente l'assassinio del bambino cui era molto affezionata troverà con l'aiuto dell'uomo di governo, l'equilibrio giusto per favorire una giustizia di Stato. 

Il film è tratto liberamente dal bel romanzo del danese P. Hoeg, dallo stesso titolo, ma non ne segue tutti gli intrecci narrativi, privilegiando, come accade spesso nei film tratti dai libri, sequenze visive idonee a dare risalto allo statuto estetico del cinema, che è molto diverso da quello dei romanzi scritti . 

Film originale, nei modi espressivi e nei contenuti. Con una fotografia da grande budget che esalta tra maestose e vere isole di ghiaccio la curiosità per le azioni che propone. Film etico, spettacolare, antirazzista, con un finale pedagogico che fa annegare ogni peccato umano nel mare gelido della catarsi rilasciata dalla tragedia quando procura pietà e terrore.

 Biagio Giordano  

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information