Settimanale Anno XVI
Numero 702 del 29 marzo 2020
Tel. 346 8046218
Cinema: Intrigo internazionale Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Intrigo internazionale

   Intrigo internazionale, di Alfred Hitchcock, con Cary Grant, Eva Marie Saint, J. Mason, Usa, spionaggio, 135 minuti, 1959.

Un brillante pubblicista americano, impersonato da Cary Grant, viene scambiato, da spie sovietiche inserite da tempo nel sistema americano, per un agente del controspionaggio statunitense in procinto di svelare la loro vera identità. L'uomo viene rapito e riempito di alcool,  messo brutalmente alla guida di un'auto dai freni manomessi, e poi spinto su una strada in forte pendenza  caratterizzata da numerose curve, quest'ultime inquietanti per lo spettatore, per via del loro affacciarsi su  vertiginosi precipizi marini.

L'auto, dopo paurosi sbandamenti rimane fortunosamente in bilico sul bordo di  un dirupo, l'uomo alla guida si salva miracolosamente e dopo essere sfuggito ai rapitori che desideravano vederlo morto, casca nelle mani della polizia che lo mette in stato di fermo per guida in stato di ubriachezza. 

Spiegato alle autorità quanto di inaudito gli fosse accaduto, il giorno dopo il pubblicista viene rilasciato. Egli verrà via via a sapere dal controspionaggio statunitense che la spia per cui era stato scambiato non esisteva affatto, il  nome della inesistente spia era stato fatto circolare negli ambienti dello spionaggio per far compiere agli agenti segreti sovietici qualche passo falso. 

Sfuggito a diversi altri attentati, le cose per il pubblicista si complicano ancora di più quando l'amante del capo degli agenti segreti sovietici  si innamora di lui,  la donna è una importantissima spia americana che gode di piena fiducia da parte del capo spia sovietico  che è ignaro della sua vera identità. 

A un certo punto però il  sovietico scopre, da alcuni dettagli, i nuovi sentimenti che coinvolgono la sua donna con il pubblicista, quest'ultimo, per sciogliere il nodo complicato che a quel punto, con quei sentimenti in gioco, si stava formando per la sicurezza degli Stati Uniti, viene invitato dal controspionaggio statunitense  a incarnare veramente la spia da loro inventata, e a darsi per morto, crollando a terra di fronte al capo sovietico, dopo che due colpi a salve sarebbero stati fatti sparati dalla sua donna nella direzione in cui lui si trovava. 

La cosa avrebbe fatto ritornare fiducia tra lei e  il sovietico, consentendo alla donna di proseguire al meglio il  lavoro di spia al servizio degli Stati Uniti. 

La finzione viene in pratica inscenata, tutto sembra andare per il meglio, il pubblicista a terra sanguinante appare come davvero morto e portato via, ma il braccio destro del capo spia sovietico scoprirà il trucco, e metterà di nuovo in grossi guai sia il pubblicista che la donna spia che lo ama. 

Splendido il finale che si svolge tra due eccezionali opere d'arte, la casa sull'acqua dell'artista Frank Lloyd Wright e i giganteschi suggestivi volti dei presidenti americani sul monte Rushmore. 

Film che non lascia passare più di cinque minuti senza mostrare una magistrale invenzione creata dalla fantasia del regista inglese Alfred Hitchcock, tra le quali spiccano per importanza le scene di suspense suscitate dai protagonisti appesi sul vuoto tra i volti dei presidenti; le peripezie per sopravvivere, messe in atto dal pubblicista  perseguitato in una deserta prateria da un piccolo aereo spargi veleni per raccolti agricoli che vuole ucciderlo e che finirà  invece per schiantarsi contro una autobotte di combustibili (entrambi esploderanno rilasciando effetti di  verosimiglianza stupefacenti che tuttora stupiscono la critica di tutto il mondo); le varie scene di inseguimento automobilistico che fanno percepire allo spettatore l'alto rischio incidente cui sono soggette, emozioni suscitate da una capacità nel montaggio strabiliante. 

Tutte scene vissute dallo spettatore nello splendore artistico della ripresa analogica, dove ogni cosa  è percepita come vera: luce, colori, movimenti, atmosfere …

Biagio Giordano  

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information