TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 680 del 13 ottobre  2019
Tel. 346 8046218
Il segreto per sopravvivere al pranzo di Natale Stampa E-mail
Scritto da NICOLA SORRENTINO La verità   

IL SEGRETO PER SOPRAVVIVERE

AL PRANZO DI NATALE

Si avvicinano le feste e anche quest'anno sta per cominciare il tour de force gastronomico.

Cene per scambiarsi gli auguri tra colleghi e amici, quelle in famiglia nei giorni di vigilia, Natale e Santo Stefano. Qualche giorno di pausa e poi ecco il cenone di Capodanno. Impossibile evitare di mangiare e controllare cosa si ha nel piatto, ma usando qualche piccolo accorgimento è possibile superare le festività natalizie senza sensi di colpa per quello che si è mangiato e bevuto.  Quindi tanto vale prenderla con filosofia e cercare di limitare i danni.

Se organizzate degli aperitivi con gli amici, non scegliete salumi, focacce e patatine, ma preferite cipolline, cetriolini e sottaceti, che in genere apportano meno calorie. Per il cin cin optate per un bicchiere di vino, rosso bianco, oppure una birretta, evitando cocktail e superalcolici che, avendo una gradazione alcolica  più  alta, sono anche  più calorici. Invece, quando sarete seduti a tavola per i vari pranzi e cene, ricordate che il vostro mantra dovrà essere “tutto, ma poco di tutto”. 

 


 

Non cedete alle grandi abbuffate, potrete gustare ogni cosa limitandovi a piccole porzioni ed evitando i bis. Non cadete nell'errore di digiunare dopo un pasto abbondante, per prepararvi a quello successivo. Arriverete a tavola ancora più affamati quindi piuttosto che digiunare, prima o dopo i pasti eccessivi, preferite verdure di ogni tipo, sia cotte che crude. 

Apportano poche calorie e hanno un ottimo effetto saziante. Quando è il momento di aprire le bottiglie di vino, invece, non dimenticate di tenere d'occhio anche quelle dell'acqua, sia liscia che frizzante. Bere aiuta ad aumentare il senso di sazietà e riduce la voglia di alcolici e bevande zuccherate.

Questo, ovviamente, non significa che dovete rinunciare a un buon bicchiere di vino.

Se potete bere alcolici perché non avete motivi di salute che ve lo impediscono, fatelo tranquillamente ma con moderazione. Ricordate che l'al­cool, oltre a contenere molto zucchero, riesce a fare cadere i freni inibitori, anche nei confronti del cibo. Durante il pasto, poi, è consigliabile masticare lentamente, parlare e scherzare: non sarete unicamente concentrati sul cibo.

Che dire, invece, dei dolci della tradizione? Meglio il pandoro o il panettone? Da punti di vista calorico e nutrizionale le differenze non sono grandi. Entrambi sono piuttosto energetici e ricchi di grassi. 100 grammi di pandoro apportano circa 400 calorie e contengono il 18-20% di grassi; il panettone contiene circa 333 calorie per cento grammi e il10 - 11% di grassi.

Infine, cercate di non concludere pranzi e cene parlando seduti per ore e ore. Fatelo lo stesso, ma proponendo anche una breve passeggiata digestiva all'aria aperta. Anche solo mezz'oretta di camminata al giorno vi sarà utile per smaltire qualche caloria e far­vi digerire meglio.

  NICOLA SORRENTINO     La verità 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information