GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 651 del 17 febbraio 2019
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA 
Cinema: A beautiful mind Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
A beautiful mind

 A beautiful mind (Una mente brillante), di Ron Howard, con Russell Crowe, Jennifer Connelly.

Il tema dello scienziato folle e geniale ha affascinato per decenni l'immaginario popolare di ogni nazione. Una relazione, quella tra follia e genialità, che ha fatto spettacolo per lungo tempo  anche nella letteratura, nella radio,   nel cinema e nel teatro. Solo l'accademia psichiatrica è rimasta fredda su questo argomento, ma non del tutto,  sollecitando come fosse necessario saperne di più, compiendo a proposito, con l'ausilio  della psicanalisi e della filosofia ricerche più profonde ( uno fra diversi autori è Paul Moebius con Ueber das Pathologische bei Goethe, Barth, Leipzig 1898). 

Scientificamente  non sembrano a tutt'oggi esserci teorie in grado di dimostrare che l'essere folli comporti  avere anche una intelligenza e una immaginazione fuori dal comune, seppur per alcune scuole di psichiatria e psicanalisi, sulla base delle loro ricerche possono affermare che la questione rimane aperta, per lo meno per quanto riguarda la capacità creativa di artisti affetti nel presente e nel passato da episodi di follia (Van Gogh docet?), geniali nel comunicare  forme estetiche nuove di particolare potenza empatica.

 A beautifil mind è un ottimo film, con un Russell Crowe nella parte del matematico schizofrenico John Forbes Nash, un personaggio reale, folle e tenero, geniale nei momenti di lucidità ma forse per certi aspetti più intuitivi anche quando delirava. Come intellettuale, dal film Nash risulta però eticamente molto ambiguo, forse troppo giustificativo, ironico (fuori luogo e tempo) sulle grandi catastrofe umanitarie suscitate dalle due guerre mondiali. 

Il film,Una bella idea registica che tiene col fiato sospeso,  raccontando una schizofrenia devastante, una malattia che va però incontro grazie alla bravura di alcuni psichiatri  nonché della moglie stessa, a  insperati successi terapeutici.

Il matematico Nash prese il nobel per l'economia nel 1994 per la teoria degli equilibri che ha ispirato in seguito l'economia di molte nazioni. Prese il nobel  dopo essere stato curato per anni come schizofrenico, anche con metodi violenti, rudimentali, tra i quali spicca l'elettroshock.

Film che inoltre apre, come conoscenza, alla complessità dell'inconscio umano, al suo complicato funzionamento,  alla potenza delle sue risorse, alle sue capacità indefinibili nel tenere in vita un organismo che soffre: alimentando speranze misteriose proveniente dal cielo mitologico del paziente. Quattro oscar.

     Biagio Giordano  

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information