Settimanale Anno XVI
Numero 711 del 31 maggio 2020
Tel. 346 8046218
Cinema: Prometheus Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Prometheus

 

Prometheus, di Ridley Scott, con Noomi Rapace, Michael Fassbender, USA, fantascienza, 2012, durata 124 minuti.

Prologo: il pianeta Terra 25 mila anni fa. Una enorme astronave staziona sopra la superficie  sconfinata di un territorio dall'aspetto primordiale, la telecamera si sofferma sul percorso intrapreso da estese acque turbolente  che corrono veloci verso un precipizio formando una rapida. 

Un essere pallido, simile all'uomo ma dalla statura più elevata, si trova su un  bordo roccioso della rapida, sembra essere pronto a compiere un rituale, ingerisce da una tazza scura una sostanza misteriosa, e dopo qualche istante il suo corpo inizia a contorcersi come se fosse posseduto da una forza interna annientatrice. Il tempo della vita sembra essersi fermato, l'agonia innescatasi non gli dà tregua, il corpo sofferente va via via incontro a un disgregamento che si annuncia totale, i resti multiformi di quella misteriosa disfatta finiranno poi nella cascata. 

Sotto il livello delle acque la decomposizione di quel corpo frammentato prosegue, fino a presentarsi come una separazione tra molecole. La scomposizione prosegue, pare inarrestabile, e giunge al punto da rendere visibile la  catena di un DNA. 

Il DNA appare simile a quello dell'uomo.

 Si passa al 2089. Due giovani scienziati, un uomo e una donna, divengono testimoni di una scoperta eccezionale. All'interno di una grotta, in un'isola del nord d'Europa, rinvengono sopra una parete rocciosa un disegno raffigurante una figura di umanoide simile per proporzioni fisiche a quella vista in precedenza nei pressi dell'astronave 25 mila anni fa, egli indica verso lo spazio, con un dito teso, alcuni pianeti sconosciuti appartenenti a un sistema solare diverso dal nostro.

La scoperta è sensazionale perché disegni uguali a quello scoperto esistono in diverse parti del mondo, anche in luoghi in cui le antiche etnie presenti non avevano avuto alcun contatto tra loro, cosa questa che fa pensare a messaggi lasciati sulla Terra da autori non terrestri, da visitatori provenienti da altri mondi.

Individuato con complesse apparecchiature, e grazie alla fedeltà dei disegni astrali scolpiti sulla roccia, il pianeta della possibile provenienza degli alieni, i due scienziati partono con una astronave avveniristica verso l'unica luna che  ruota attorno a quel pianeta. Lo scopo è di capire il senso più profondo di quei messaggi: sperando durante il percorso della missione, per quanto avventuroso potrà essere, di scoprire il mistero dell'origine della specie umana. 

Film la cui storia  è un prequel di Alien, esso mostra verso il finale come nasce il mostroprotagonista di Alien, film da lui stesso diretto. 

Il film è dotato di un impianto scenografico strabiliante che mantiene un rapporto altrove-quotidiano sufficiente a far si che la fantasia rimanga in orbita sulla realtà già conosciuta senza quindi scappare via verso l'ignoto.

Fredda la critica. 

           Biagio Giordano 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information