TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XIV
Numero 644 del 9 dicembre 2018
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA 
Cinema: Una sola verità Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Una sola verità

Una sola verità, di Rod Lurie, con Kate Beckinsale, Matt Dillon, USA, 2015, drammatico, 108 minuti

Per aver pubblicato sul giornale in cui lavorava l'identità di un agente-spia sotto copertura della Cia, nonché i contenuti di una sua compromettente missione all'estero, la giornalista Rachel Armstrong viene mandata a processo. Rifiutatasi di dichiarare alla corte  la  fonte da cui aveva attinto quella notizia, Rachel viene pesantemente condannata. 

Il film rappresenta un dramma giudiziario ben riuscito riguardante il conflitto tra libertà di stampa e ragion di Stato. Il film si cala anche sulla teoria del caos, intesa su alcune sue pieghe pratiche come irrazionalità causale, ossia, incalcolabilità degli eventi, loro imprevedibilità, in questo caso entrata in possesso fortuita di notizie scottanti, in questo caso una scuola elementare. Là dove la figlia della giornalista Rachel  condannata per aver messo in pericolo la nazione ha come compagna d'aula proprio la figlia dell'agente Cia di cui tratta il film.

Il film ha un gran ritmo, e suscita un forte interesse per il racconto che propone,  per quasi tutta la durata della pellicola; i conflitti messi in campo seppur nati eventi casuali sono sempre ben delineati nella loro svolgersi oggettivo, seppur a volte macchiati  qua e là da un soggettivismo alla ricerca di spettacolo fine a se stesso. 

Un gran film, per tutti, che si muove tra diritto all'applicazione dell'etica dello Stato e il diritto, (spesso dalle apparenze inconciliabili con le istituzioni di governo), alla conoscenza più ambita, cioè  all'apprendimento di ogni piega del comportamento all'estero dello Stato soprattutto là dove è destinato a far scorrere del sangue.

 Un film che  lascia intravedere i paradossi legati all'azione della sicurezza di Stato, alle sue regole, ai suoi risultati, così spesso avvolti dall' assurdo più illogico, che caratterizza il movimento bizzarro della fortuna e della sfortuna nelle situazioni più disparate e inimmaginabili.

Ottima nel film la fotografia, che gioca in modo magistrale con le allusioni prospettiche delle tre dimensioni rilasciando forti emozioni scopiche:  sulle profondità dello spazio e artistiche sugli enigmi del tempo.

 Buona la sceneggiatura, che sa fondere, senza creare storture percettive, dramma e ironia, quest'ultima appare piacevolmente un po' a denti stretti quando la sorte è avversa.

         Biagio Giordano 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information