TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XIV
Numero 640 del 11 novembre 2018
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA
Cinema: ll testimone (Le Témoin) Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO

ll testimone (Le Témoin)

 

ll testimone (Le Témoin) è un film commedia del 1978, di Jean-Pierre Mocky. Con Alberto Sordi e Philippe Noiret.

Grande interpretazione drammatica di Alberto Sordi, in Francia, in un film commedia sui generis, serioso, in quanto di ironico c'è solo la paradossale sorte giudiziaria in cui può essere preso un artista stravagante.

Il regista francese Jean-Pierre-Mocky mette sotto accusa aspetti del sistema giudiziario francese (in cui la ghigliottina all'epoca del film era ancora vigente), sottolineando negatività non solo strutturali e di metodo di quel sistema ma anche aspetti legati alla cultura del fattore umano presente nella importante istituzione.

Diversi comunque i temi in gioco: la tendenza quando non si trova il vero assassino a incolpare un innocente (vedi Hitchcock), magari un tipo strano come può essere ad esempio un artista che apparentemente non finalizza le cose perché molto creativo, oppure, per sembianze fatiscenti, un appartenente alla schiera dei poveri francesi; la tendenza della polizia ad esagerare l'importanza degli indizi fino a considerarle paradossalmente delle prove minori; e per finire lo straniero, visto subito, nella ricerca dei colpevoli di un delitto, come sospettabile a priori.

Un gran film, passato in Italia in sordina come capita spesso con i film francesi, dai quali la nostra industria cinematografica distributiva sembra a volte voler difendersi, forse perché, da decenni, la superiorità dei francesi nel saper raccontare per immagini è fuori discussione e ciò mette in ombra i nostri film?

Alberto Sordi come in quasi tutti i suoi film di fatto drammatici supera se stesso, peccato davvero che il suo ricordo sia impregnato, fino alla saturazione smemorante, della figura sembiante: "italiano furbetto e voltagabbana" presente in troppi suoi film.

Alberto Sordi, per quanto riguarda la fusione con i suoi personaggi merita un ricordo soprattutto per la sua capacità espressiva comico-drammatica: da cui si sono rispecchiate in ciascun spettatore evocazioni sociali dense di riconsiderazioni conoscitive complesse, rivelatrici nel più profondo della vita in sé e del sociale, nonché delle morali in gioco rimosse patite da ciascuno nel suo ambiente.

Critica italiana troppo tiepida e superficiale nel giudicare questo film.

 
   Biagio Giordano

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information