TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XIV
Numero 633 del 23 settembre 2018
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA
Cinema: U-boot 96 Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
U-Boot 96
 

U-Boot 96 è un film di guerra tedesco del 1981 scritto e diretto da Wolfgang Petersen, prodotto da Günter Rorbach e interpretato fra gli altri da Jürgen Prochnow, Herbert Grönemeyer e Klaus Wennemann.

Ambientato nel 1941 con il nazismo all'apice della sua potenza, il film è antimilitarista, lo è rispetto alle logiche brutali delle guerre di invasione. Il film sottolinea l'eccesso di disumanità che una guerra di invasione mossa da una ideologica come quella nazista-razzista può arrecare.

Il film brilla per la sua straordinaria verosimiglianza nella riproduzione della vita di un sottomarino in guerra, mettendo in luce dettagli che vanno a incastrarsi meravigliosamente bene con lo scorrere dei significanti delle scene rendendo il film meno verboso e molto scorrevole nonché ricco di reale.

Mai un film si è soffermato così a lungo all'interno di un sottomarino in guerra riproducendone con straordinario verismo l'atmosfera drammatica e di morte, composta dallo stretto claustrofobico del lunghi corridoi del sottomarino, dalla sporcizia, dalle volgarità verbali dei militari, dai movimenti disperati dei corpi animati da altissima tensione dopo uno scuotimento del sottomarino per bombe esplose nelle vicinanze, dagli sguardi esangui, martoriati dallo stress da combattimento.

Da sottolineare nel film anche la capacità dello staff nell'arte di riproduzione dei suoni e dei rumori all'interno del sommergibile, in particolare durante le battaglie e negli attimi susseguenti allo scoppio delle bombe di profondità lanciate dalle navi da guerra nemiche dalla superficie, quest'ultime scuotono brutalmente le strutture metalliche del sommergibile creando numerosi danni e paure.

Inoltre concorrono a rafforzare l'atmosfera drammatica anche il suono sinistro della caduta all'interno delle gocce d'acqua e delle infiltrazioni dopo i colpi subiti, e i suoni dei sonar annuncianti serenità o preoccupazioni, nonché i sordi rumori delle navi da guerra in arrivo durante lo stato del sommergibile in immersione, i rumori della pressione dell'acqua a 250 metri di profondità (per sfuggire alle bombe di profondità), che comincia a piegare le lamiere del sottomarino mettendo tutto l'equipaggio e lo spettatore in uno stato di profonda ansia, etc. etc.

Grande successo di pubblico, la critica invece è rimasta tiepida sottolineando solo l'efficace ricostruzione ambientale.

  Biagio Giordano

  BIAGIO GIORDANO A “VETRINE D’ARTISTA”

Dal  5 marzo  al  3 aprile

 

Se ne parla anche ...QUI....QUI....QUI

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Il nuovo libro,  recensioni tratte da Truciolisavonesi 

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

   
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information