GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 659 del 14 aprile  2019
Tel. 346 8046218
Sul transito di Mario Perniola Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
SUL TRANSITO DI MARIO PERNIOLA

 Forse, dopo tanti transiti - dal reale al virtuale, dal concettuale al sensibile, dall’avanguardia alla post-avanguardia, dal ribellismo sessantottesco a una prestigiosa carriera accademica, dalla comunicazione all’incomunicabilità, dalle cose  visibili a quelle invisibili, dall’organico all’inorganico, dal gusto al disgusto, dalla sessualità tradizionale a quella artificiale, dal bello al brutto e viceversa, o, come in un suo titolo “dallo stesso allo stesso” -  l’ultimo suo transito o passaggio da un incerto ed effimero aldiqua a un ignoto e infinito aldilà non l’avrà colto di sorpresa, la notte di martedì scorso, 9 gennaio  1918; tanto più che, in quanto filosofo, sapeva come prepararsi a morire vivendo.


Mario Perniola

Mario Perniola era nato ad Asti, il 20 maggio del 1941 e si era formato all’Università di Torino alla scuola di  Luigi Pareyson  (che ebbe tra i suoi allievi Gianni Vattimo, Umberto Eco e Sergio Givone);  è stato docente ordinario di estetica prima all’Università di Salerno e poi all’Università di Roma “Tor Vergata”. Non è il caso di fare qui l’elenco completo dei suoi scritti dal primo studio  sul metaromanzo all’ultimo sull’estetica italiana contemporanea, la bibliografia di e su Mario Perniola è facilmente reperibile in Rete; cito qui solo alcuni titoli per dare l’idea della vastità, complessità e originalità dei suoi campi di interesse e di indagine: Transiti. Come si va dallo stesso allo stesso (1985); Enigmi. Il momento egizio nella società e nell’arte (1990); Del sentire (1991); Il sex appeal dell’inorganico (1994); Disgusti. Le nuove tendenze estetiche (1999); L’arte e la sua ombra (2000); Del sentire cattolico. La forma culturale di una religione universale (2001); Contro la comunicazione (2004); Berlusconi o il 68 realizzato (2011); L’arte espansa (2015); Del terrorismo come una delle belle arti (2016)…Inutile dire che ognuno di questi libri ha provocato consensi ma anche dissensi, quando non netti rifiuti e stroncature da parte di chi considera troppo elitarie e paradossali o, al contrario, troppo populiste le tesi in essi contenute.


Mario Perniola

 Prendiamo  la tesi sul Sessantotto finalmente realizzato da Berlusconi che sembra a prima vista una eresia, se ci pensiamo bene tanti obiettivi del Sessantotto coincidono con quelli realizzati - in parte - nel ventennio berlusconiano: la fine della famiglia tradizionale, la distruzione dell’università, la deregolamentazione della sessualità, l’ostilità nei confronti della magistratura, il vitalismo giovanilistico, il trionfo della comunicazione massmediatica e l’oblio della storia (Quando penso – sia detto per inciso - che tutto questo non ha fatto altro che preparare l’avvento di un nuovo probabile ventennio berlusconiano con il suo corteo di fiamme tricolori e di fasci littori sdoganati,  propiziato dal fallimento del renzismo e dalle divisioni nel campo di quello che viene ancora definito, in mancanza di altri termini più appropriati  “centrosinistra”, non so se ridere o piangere).


Guy Debord

Vero; ma io non addosserei tutta la responsabilità di questa “realizzazione” involontaria degli obiettivi del Sessantotto al solo Berlusconi, se ci troviamo in questa situazione in cui i vecchi valori se ne sono andati insieme ai vecchi dei, è perché nuovi valori e nuovi dei (o idoli) hanno preso il loro posto: oggi la volontà di potenza si realizza per mezzo della tecnica e la società dello spettacolo di cui parlava l’altro maestro di Mario Perniola, cioè Guy Debord, ha finito per inglobare la società reale, tanto che i simulacri riprodotti in serie dall’industria culturale sembrano più veri dei singoli originali, effimere parvenze destinate a dissolversi nel nulla. In questo i situazionisti avevano visto in anticipo, fin dal 1956, la deriva massmediatica, consumistica  e tecnologica (pensiamo soltanto alla nostra dipendenza dal computer e dal telefonino cellulare) che caratterizza la società in cui viviamo. Un’altra pietra dello scandalo lanciata da Perniola nel cosiddetto “mondo dell’arte” è la sua idea di “arte espansa”, secondo la quale sono ormai superati i confini tra arte e non arte, e chiunque può “creare” e definire “arte” quello che gli pare e piace: “La bolla speculativa di quel ‘mondo dell’arte’, iniziato alla fine degli anni Cinquanta del Novecento e caratterizzato dalla solennizzazione culturale delle avanguardie storiche, il cui nume tutelare fu Marcel Duchamp, è finalmente scoppiata.


Marcel Duchamp

 Essa aveva creato un microambiente culturale che ha cercato per cinque decenni di rinnovarsi continuamente, ricorrendo a tutta una serie di mode più o meno effimere che si presentavano sotto nomi provocatori e preoccupandosi soltanto di mantenere sotto il controllo di pochi galleristi, collezionisti e mediatori rapaci, con la complicità delle istituzioni pubbliche, il diritto alla legittimazione e alla consacrazione di prodotti che solo nominalmente potevano essere definite ‘opere d’arte’, ma erano in realtà feticci artistici”. Cioè oggetti che godono di una ammirazione irrazionale, fanatica e ingiustificata, imposti dal mercato mondiale dell’arte e dai media che li diffondono. Ma chi è che decide che cosa è arte e che cosa non lo è? Perniola risponde a questa domanda fondamentale introducendo  un nuovo concetto e  quindi un nuovo termine, quello di artistizzazione: “Se uno degli aspetti specifici del pensiero filosofico è il pensare il proprio oggetto nei suoi esiti estremi, bisogna introdurre un’altra nozione più radicale nelle sue premesse e nei suoi metodi: l’artistizzazione. Nulla è di per se stesso arte. Esso lo diventa attraverso molti fattori: la maniera in cui l’autore pensa la propria attività, il lavoro di mediazione ermeneutica cui è sottoposto, la ricezione del pubblico e della critica, la manipolazione cui i mass media lo assoggettano, la conservazione di ciò che è stato fatto. Ne deriva che l’arte è tutto questo insieme di azioni e reazioni, teorie e iniziative, oggetti e racconti, documenti e materiali del più vario genere”. Anche virtuali. L’arte non ha più confini. Come non ha confini il perenne divenire di ogni ente rispetto a se stesso: la nostra vita è un continuo transitare da un luogo all’altro, da un tempo passato a un tempo futuro attraverso un  inafferrabile tempo presente. 

FULVIO SGUERSO 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information