di Massimo Bianco
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XVI
Numero 685 del 17 novembre  2019
Tel. 346 8046218
Lapidi, commemorazioni, minuti di silenzio Stampa E-mail
Scritto da ALESSANDRO MARENCO   
Lapidi, commemorazioni, minuti di silenzio

 Dopo qualche esitazione mi sento di dire qualcosa anch'io sulla questione della lapide dedicata alla piccola Ghersi, a Noli.

Cerco di essere breve: dovremmo smettere di commemorare e di celebrare con retorica gli avvenimenti storici in genere e quelli della Seconda Guerra Mondiale in particolare.


D'accordo: un fiore, una lapide, un discorso pieno di commiserazione, commozione, di silenzi, è assai comodo, lo capiscono tutti, aiuta persino ad assurgere agli onori delle cronache. Ma è deleterio per la maturità di un popolo.

La retorica finisce sempre per essere strumentalizzata, se non oggi, negli anni a venire. Le lapidi, le dediche, le frasi a imperitura memoria non sono mai servite a evitare QUEL tipo di violenza che è stata causa dell'evento che ha generato lapide e cerimonie medesime.

Certo la retorica deve far molto comodo ai politici e ai governanti di ogni colore. Non c'è regime (neppure democratico) che non abbia avuto i suoi riti, più o meno popolari: dalle adunate oceaniche con labari e baionette; alle sfilate di soldati impettiti e carri allegorici celebranti operai e contadini sotto le bandiere rosse; fino alle sfilate di uomini in armi più recenti, al cospetto dell'IGNOTO MILES, o di altro monumento ai caduti.

È però uno spettacolo che sazia di buoni sentimenti, soddisfa in qualche modo il bisogno di giustizia, semplifica persino le situazioni. E ancor più contribuisce a formare una (o più) identità di popolo.

Anni sono passati, da quando Ortega y Gasset aveva scritto: La retorica è il cimitero delle realtà umane, o nel migliore dei casi ne è l'ospedale degli invalidi”, eppure siamo ancora qui a celebrare, a imbandierare, a rotolarci nelle frasi fatte, alla ricerca di una giustizia o di una pace che non possono altro che essere teoriche.


L'unica cosa che si può fare nei confronti di tutte, tutte le vittime della Seconda Guerra Mondiale (come anche di altri periodi o contesti in cui s'è praticata una qualche giustizia sommaria a scapito di molte vittime) è quella di promuovere una seria opera di ricerca storica, negli archivi, nei libri che sono stati scritti, negli articoli, nelle testimonianze orali. Mestiere tutt'altro che facile e privo di insidie, da non affidare al primo panettiere che magari scrive su “Trucioli” (con tutto il rispetto e per i panettieri che scrivono, e per Trucioli), ma da chi conosce metodi e strumenti della ricerca storica. Ecco, magari invece che fare lapidi, gli amministratori potrebbero cominciare a incaricare storici propriamente detti chiedendo loro di proporre un serio progetto di ricerca (non di destra o di sinistra, quelle sono le conclusioni. La ricerca, fatta bene, non ha colore politico) da pubblicare e discutere apertamente. E soprattutto senza retorica piagnona o esaltante.

    ALESSANDRO MARENCO

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information