Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Hotel Hannon. All’attenzione dei nostri amministratori Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
HOTEL HANNON – BRUXELLES
All’attenzione degli amministratori della Regione Liguria
e della Giunta comunale di Savona.
 Nel 1903, l’ingegnere Edouard Hannon, della ditta Ernest Solvay, esperto d’arte e fotografo, volle che la sua nuova dimora fosse un’opera d’arte totale, sull’esempio dell’Hotel Solay, costruito tra il 1895 e il 1903 da Victor Horta, il geniale architetto belga che progettò l’edificio che meglio riassume la poetica dell’ Art Nouveau, cioè l'Hotel Tassel (1893) a Bruxelles, quindi incaricò il suo amico architetto Jules Brunfaut (1852-1942) di costruirgliela in quello stesso stile, in località Saint-Gilles.


La casa fu abitata dalla famiglia Hannon fino al 1965, quando, dopo la morte della figlia del proprietario, è lasciata in abbandono, ai vandalismi e sotto la minaccia della demolizione. Nel 1979 venne acquistata dal Comune e restaurata. L’hotel ospita attualmente le sale da esposizioni per l’Espace photographique Contretype, il quale, oltre a conservare la collezione delle fotografie di Hannon, si cura di promuovere la fotografia creativa tramite esposizioni, retrospettive e conferenze.

   
Edouard Hannon

Brunfaut si avvalse, per la realizzazione dell’opera d’arte totale chiesta dal suo amico Edouard Hannon, di parecchi artisti-artigiani per l’arredamento e le decorazioni interne ed esterne. La mobilia, purtroppo andata dispersa, e le decorazioni interne furono firmate da artisti come Emile Gallé e Louis Majorelle. Gli affreschi nel fumoir e nel vano della scala sono del pittore di Rouen Paul Albert Baudouin, la ringhiera in ferro battuto della scala è opera di Desmedt, le vetrate sono di Raphael Evaldre, il bassorilievo all’angolo della facciata est è di Victor Rousseau. Notevole il giardino d’inverno, rischiarato da un bow-window formato da un’intelaiatura curvilinea in ferro in cui sono inserite ampie vetrate decorate con motivi floreali. Quei lungimiranti amministratori belgi hanno quindi molto da insegnare ai nostri amministratori regionali e comunali che hanno lasciato, finora, andare a ramengo un edificio storico in stile Liberty come Villa Zanelli.

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information