Settimanale Anno XVI
Numero 722 del 27 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Famiglia e società civile Stampa E-mail
Scritto da ALDO PASTORE   
Aldo Pastore
IL VOLTO DELLA MEMORIA 
 (Cento - dodicesima parte)
 

 In data 7 marzo 2017, il quotidiano nazionale LA STAMPA ha pubblicato un pregevole servizio giornalistico, a firma di Raphael Zanotti, sull’argomento della crisi demografica che sta verificandosi nella nostra amata Italia.

Riporto, in maniera sintetica, i dati essenziali della ricerca effettuata (anno 2017)

 - POPOLAZIONE NAZIONALE: 60.579.000 cittadini   (86.000 in meno rispetto all’anno 2015 – 2016)


 - NASCITE: 474.000, così suddivise

    392.000 (da madre italiana)

      92.000 (da madre straniera)

Complessivamente 12.000 nascite in meno rispetto all’anno 2016.

 

 - POPOLAZIONE ANZIANA: in progressivo aumento

Gli ultrasessantacinquenni superano i 13,5 milioni e rappresentano il 22,3% del totale (10 anni fa, erano il 20,1%)

I decessi sono in progressiva diminuzione

(Nel 2016 si stimano 608.000 decessi; 40.000 in meno rispetto all’anno 2015)

 - L’Aspettativa di vita è così aumentata:

80,6 anni per uomini

85,1 anni per le donne

 Rimane ovvio il fatto che il progressivo invecchiamento conduce fatalmente alla cronicità ed alla plurimorbilità e di conseguenza ad una innovativa visione socio-sanitaria dei loro problemi


Di fronte a questa situazione demografica, insolita e per certi versi, inaspettata, alcuni nostri amici lettori ci hanno interrotto e ci hanno cortesemente invitato a riprodurre integralmente un articolo di ALDO PASTORE datato 23 aprile 1994 è così intitolato

FAMIGLIA E SOCIETÀ CIVILE

Fino a qualche decennio fa, potevamo raffigurare la famiglia italiana come un triangolo, a base inferiore e ad apice superiore: la base era rappresentata dai bambini (moltissimi) ed il vertice dagli anziani (i pochi che riuscivano ad arrivare ad una età avanzata).

Oggi la situazione si è capovolta; se vogliamo disegnare graficamente la famiglia italiana, possiamo dire che stiamo avvicinandoci al triangolo capovolto (con base in alto ed apice in basso): la base sarà rappresentata da un gran numero di persone anziane, il vertice inferiore dai pochi bambini rimasti.

Quali fatti sono intervenuti per capovolgere completamente la situazione?

Il primo fatto (decisivo) è legato certamente alla vittoria dell'uomo contro la morte precoce; in effetti, nell'ultimo secolo, la durata media della vita è raddoppiata; oggi un uomo vive, in media, 73 anni e mezzo ed una donna più di 80.

Il secondo fatto è indubbiamente collegato alla cosiddetta "programmazione delle nascite"; in conseguenza di questa scelta, il numero dei figli, in una famiglia, si è ridotto di un terzo; oggi, ogni donna italiana "produce" 1,25 figli (dato che equivale alla più bassa fecondità mondiale).

La conseguenza finale dei dati sopra esposti è la seguente: nel 1994, in Italia, (per la prima volta nella storia dell'intera umanità) il numero degli anziani ha superato il numero dei giovani; oggi, coloro che hanno più di 60 anni sono, in Italia, più numerosi di coloro che ne hanno meno di venti.

Tutto questo porta e porterà in futuro ad una trasformazione radicale di quel "nucleo fondamentale della società umana costituita da genitori e figli" che è la famiglia.

Ma la trasformazione della famiglia non si limita soltanto a questo aspetto meramente quantitativo.

In effetti, sta intervenendo un altro fatto nuovo e cioè il cambiamento del valore del bambino e dell'anziano.

I bambini, un tempo, erano molto numerosi e ciascuna famiglia metteva in conto che molti di essi potessero morire: in sostanza, erano meno preziosi di oggi.

Al contrario: gli anziani, con il loro bagaglio di saggezza e di esperienza, acquisito negli anni, lo erano molto di più, perché potevano portare un contributo in positivo alla conduzione familiare.


 

Nella famiglia di oggi, invece, il bambino è preziosissimo, super-coccolato, super-protetto, mentre l'anziano, così frequente, così abbondante, si è svalutato ed, in molti casi, è ritenuto un peso, un ostacolo alla vita dal resto della famiglia; con l'innovazione tecnologica così rapida e così accentuata (come quella che stiamo vivendo) l'anziano ha perduto anche il valore della saggezza, che possedeva un tempo.

Ma le modificazioni strutturali della famiglia non si fermano qui; un altro fenomeno, che giornalmente constatiamo, è rappresentato dalla verticalizzazione della famiglia: in essa i genitori abitualmente hanno un solo figlio; per di più sono vivi i nonni ed ormai frequentemente anche i bisnonni; esistono, insomma, all'interno del nucleo familiare, quasi sempre tre generazioni e, sempre più spesso, addirittura quattro; per ogni bambino vi sono da sei ad otto adulti; già oggi i bambini di due o tre anni hanno, di frequente, due bisnonni.

Ma la famiglia è verticalizzata anche in un altro senso.

Nel senso, cioè, che manca la dimensione orizzontale: i bambini hanno un numero ridottissimo (se non nullo) di cugini e di zii (figure che, fino ad una generazione fa, erano molto importanti. anche dal punto di vista formativo).

Infine: sta riducendosi fortemente il numero delle famiglie classiche, quelle, cioè, costituite da genitori con figli.

Oggi, la famiglia tradizionale (corrispondente allo stereotipo classico) costituisce soltanto il 51 % della globalità; il resto è formato da altri aggregati, che definiamo sempre "famiglie", ma che si discostano dalla tradizione. Anche chi vive da solo (il single o la single) costituisce, nel nostro Paese, un nucleo familiare; e questi nuclei stanno aumentando moltissimo: sono ormai il 20% (e si tratta, per lo più, di donne anziane); vi sono, inoltre, le coppie senza figli (un altro 20%) ed, infine, l'aggregato formato da un solo genitore ed un figlio (circa 1'8%).

Tutti questi fenomeni (incontrovertibili e statisticamente dimostrabili) apriranno grandi problemi nella società del futuro e certamente vi sarà, rispetto alla situazione attuale, una profonda alterazione delle relazioni interpersonali ed intrafamiliari.


 

Proviamo ad immaginare cosa potrà succedere:

- I Bambini, sia pure super-coccolati e super-protetti nel contesto familiare, saranno sempre più soli ed impossibilitati a dialogare con i loro simili nell'ambito della famiglia; inoltre la solitudine, associata all’iper - protezione, porteranno all'accentuazione della cosiddetta "sindrome da figlio unico", la quale, anche se non sfocerà nella vera e propria patologia, condurrà certamente alla formazione caratteriale di individui sempre più individualisti, sempre più egoisti, sempre più possessivi;

- Gli anziani saranno sempre più isolati ed emarginati in famiglia, proprio perchè hanno sostanzialmente perso il loro valore; v'è, inoltre, da considerare il fatto che, mentre in passato i pochi anziani sopravvissuti erano fondamentalmente sani (perchè avevano superato, senza danni, la naturale selezione della specie), oggi, nella grande massa di ottantenni e di novantenni sopravvissuti, aumentano le patologie (specifiche dell'età senile e non) e, di conseguenza, in avvenire, cresceranno, in cifra assoluta e relativa, gli anziani non autosufficienti; si aggiunge, allora, un'altra motivazione per allontanare ed emarginare gli anziani dal nucleo familiare.

- Le donne saranno fortemente penalizzate dalla nuova situazione che si verrà a creare; ad esse, da sempre, si fa riferimento per le cure da erogare agli altri membri della famiglia; ma, in futuro, le donne, nell'età compresa tra i 50 ed i 60 anni, saranno addirittura schiacciate dal lavoro di cura; infatti, esse dovranno occuparsi del nipote, di cui non potrà occuparsi adeguatamente la figlia o il figlio che lavorano (ed è noto che, in Italia, lavoro e procreazione mal si conciliano); peraltro, una donna su due, a 55 anni, avrà, in casa, la madre o il padre, anziani, da accudire; per di più, lei stessa incomincerà ad accusare il peso degli anni e delle malattie intercorrenti; il tutto diventerà palesemente insopportabile.

In sintesi: possiamo concludere con l'affermare che la famiglia del futuro si presenterà come una famiglia vecchia, in cui aumenteranno le persone bisognose di cura ed in cui, parallelamente, si ridurrà il numero di persone che erogheranno cure.


Come uscire fuori da questa situazione? Quali rimedi suggerire?

Incominciamo, intanto, ad evidenziare le strade che non si potranno percorrere:

- La strada del ritorno al passato, sotto forma diretta o indiretta dell'accorciamento della vita terrena (e quando parlo di "forma indiretta" mi riferisco alle ipotesi, socialmente assurde, di abbassamento dei redditi pensionistici, di eliminazione degli interventi socio-sanitari pubblici, dell'innalzamento spropositato dei canoni di affitto, interventi che, se effettivamente attuati, condurrebbero a "morte precoce" un gran numero di anziani);

- La strada del ritorno al passato, sotto forma di lotta alla programmazione delle nascite o procreazione responsabile (che di si voglia); le tecniche usate contro le nascite indesiderate sono ormai considerate dalle donne (ma più in generale dall'intera società) come una vittoria contro la barbarie e contro l'ignoranza ed è pertanto pura illusione credere che le donne siano disponibili (almeno in Italia) ad aumentare il loro indice di fertilità; e, d'altra parte, v'è da chiedersi, oggettivamente, a chi potrebbe giovare, nel nostro Paese, un ulteriore incremento della popola zione.

Cerchiamo, allora, di indicare, in positivo, le soluzioni più idonee per offrire risposte serie ai drammatici problemi che abbiamo di fronte.

La Regione Liguria, con la Legge 8-3-1994 n° 11, ha tentato di dare una risposta ai problemi della famiglia; ma, a mio modo di vedere, si tratta di una risposta parziale, insufficiente ed inadeguata; il difetto maggiore di questa Legge risiede nel fatto che essa fotografa una situazione statica della famiglia (la famiglia, cioè, del 1994), senza porsi minimamente il problema di come sarà la famiglia del futuro; manca, cioè, nella filosofia della Legge Regionale, una sia pur minima indicazione programmatica e di intervento sui problemi che certamente la società italiana si troverà di fronte nel 2000 e che, nelle pagine precedenti, ho cercato di riassumere.

Che fare allora?

Penso che, nell'immediato, dovremo intervenire secondo le seguenti linee operative:

- Valorizzare il ruolo e la funzione degli asili-nido e scuole materne (intesi non già come aree di parcheggio per i bambini, bensì come strumento per promuovere lo sviluppo della personalità di ogni bambino ed, allo stesso tempo, per avviare un nuovo modo di vivere assieme ai propri simili e coetanei);

- Avviare una seria politica socio-sanitaria in favore degli anziani: nuova politica della casa; fruizione di spazi collettivi e di socializzazione; appoggio dei servizi sociali e sanitari distrettuali; creazione e potenziamento di strutture residenziali (comunitàalloggio; residenze servite; R.S.A.);

- Politica di sostegno finanziario alle famiglie (da attuarsi sia sotto forma di contributi, sia sotto forma di defiscalizzazione dell'onere tributario famigliare) al fine di creare le condizioni per mantenere l'anziano o il disabile il più possibile nel contesto della famiglia.

Le linee operative or ora accennate hanno tuttavia bisogno, per essere attuate, di un potenziamento e non già di un restringimento (o peggio di un annientamento) del nostro welfare state: in altri termini la famiglia per recuperare la sua dignità e la su ragione d'essere e, soprattutto, per ritornare ad essere il nucleo fondamentale della società dell'avvenire, ha ed avrà bisogno (soprattutto in futuro) del sostegno attivo dell'intera società.

Ma questo ragionamento (se condiviso) deve portarci a svolgere serie considerazioni e ponderate riflessioni sull'avvenire del nostro sistema di vita, sul nostro modo di produrre e di consumare, sul nostro modo di intendere l'economia e le ragioni del profitto, sul nostro modo di intendere i rapporti tra gli uomini: in altri termini il problema della famiglia nella società del futuro diventa un problema etico e, come tale, deve essere oggetto di serrato confronto, ma anche di serena meditazione.

23 Aprile 1994

 COMMENTO FINALE DI ALDO PASTORE:

Confermo totalmente i contenuti di quell’articolo, con l’avvertimento che la situazione demografica complessiva si è ulteriormente accentuata.
Di conseguenza è necessario attivare linee operative, in allora proposte
 

 

ALDO PASTORE

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information