TRUCIOLI SAVONESI 
Settimanale Anno XIII
Numero 595 del 19 novembre 2017
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA
Cinema. Brevi recensioni. Sciopero! Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Brevi recensioni

 Sciopero!

Sciopero! è un film sovietico del 1925, primo lungometraggio di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn.

Nella Russia industriale del 1912 un operaio è accusato di furto dai suoi padroni in base a segnalazioni aleatorie. Impossibilitato a difendersi l'operaio si impicca sul posto di lavoro. I lavoratori della fabbrica dichiarano subito uno sciopero di solidarietà e protesta che oltre ad essere un atto di accusa contro la mancanza di rispetto delle leggi garantiste, che seppur generiche, già all'epoca vigevano, e oltre ad essere un esempio di cementificazione ideologica riuscita tra lavoratori di diversa origine, rappresentava la nascita inarrestabile, nelle classe oppresse della Russia di allora, di uno spirito nuovo, rivoluzionario influenzato dalle tesi marxiste.

I padroni infatti e le classi politiche al potere intuendo che quello sciopero avrebbe potuto avere una pericolosa influenza propagandistica su tutto il paese mettevano su, in pieno accordo, un cinico, orripilante, devastante impianto repressivo.

Lo sciopero sarà duro, drammatico, tragico. Gli operai rivendicano migliori condizioni di lavoro e di giustizia sociale ma sembrano animati da un immaginario ancora più ambizioso che guarda al futuro non più in una dimensione solo utopica, visionaria, o riformista, ma concreta, da veri protagonisti rivoluzionari della politica, vicina ai grandi partiti in formazione sorti a loro difesa.

I padroni rispondono con l'astuzia, tentando di dividere il fronte, offrendo ai lavoratori più deboli prospettive allettanti.

Dopo i fallimenti di tutte le azioni corruttrici e  giudiziarie artatamente costruite,  la polizia ben organizzata e forte di ingenti mezzi, fa strage degli scioperanti e delle loro famiglie, dimostrando politicamente una debolezza senza precedenti che avrà echi internazionali clamorosi, quest'ultimi diverranno fatali anche per il regime stesso vigente in Russia, di lì a pochi anni infatti le successive  ondate rivoluzionarie di massa in Russia saranno in grado di ribaltare addirittura  un intero sistema economico di produzione, cercando poi una volta al potere di applicare il modo di produrre strettamente comunista.

Una vera svolta nella storia economica del mondo.

Biagio Giordano

 

Insider - Dietro la verità

Insider - Dietro la verità (The Insider) è un film thriller-denuncia, del 1999 diretto da Michael Mann, con Russell Crowe e Al Pacino

Tratto da un fatto vero, il film è carico di un'atmosfera realista del tutto inusuale: che procura sensazioni di ipervero annullanti la percezione della presenza dello schermo, ossia si è in presenza di qualcosa, paradossalmente, di metafisico che rimanendo però saldamente aderente al piano, molto complesso, delle logiche della finzione coinvolge straordinariamente in ogni istante lo spettatore.

Lo scorrimento narrativo, di buona fattura letteraria, nello stesso tempo informa e cattura l'attenzione, ed è impregnato da contrasti tra i personaggi ben calibrati e studiati che appaiono sempre immersi, sagacemente, in situazioni di tensione e suspense saldamente legate, con varianti estetiche espresse in dettagli portatrici in bagliori di sorprese e misteri, al robusto filo conduttore principale. Quest'ultimo riguarda le vicende di un attacco dal basso portato alle multinazionali del tabacco, accusate di immettere sostanze aggiuntive, nelle sigarette, con lo scopo commerciale di aumentarne la dipendenza.

Le due star Russel Crowe e Al pacino grazie alla genialità del regista Michael Mann, non solo convivono felicemente, ma rimanendo ben ancorati ai rispettivi personaggi, lavorando quindi sul piano dell'espressività facciale esclusivamente per il film, evitando perciò sortite visive-narcisiste in dettagli, rafforzano la potenza d'insieme del racconto filmico a vantaggio della soddisfazione piena dell'interesse-curiosità dello spettatore per il film.

Biagio Giordano

 

Il dubbio (Doubt) 

 

Il dubbio (Doubt) è un film indipendente del 2008 scritto e diretto da John Patrick Shanley, adattamento cinematografico del suo omonimo dramma teatrale, vincitore del Premio Pulitzer nel 2005.

Film di grande coinvolgimento emotivo ed etico.
I dialoghi sono affilati come tagliacarte, le interpretazioni dei due protagonisti sono a dir poco eccezionali in quanto mai sembrano recitare, le tematiche scottanti del film sono trattate con acume e con l'artistica libertà espressiva, priva di compromessi con le istituzioni, tipica del cinema indipendente.

Un film dallo stile teatrale che lascia il segno, proponendo con formule semplici ma estremamente convincenti profondi interrogativi etici sui possibili rapporti d'amore, dalle forme infinite, tra insegnanti religiosi e alunni adolescenti in particolare nelle scuole private cattoliche.

Di questi rapporti d'amore, a volte molto sottili o resi sofferenti da empatie vergognose, a volte repressi o scadenti in atti di libido, cosa è punibile, cosa è da evitare, cosa è accettabile e da proteggere?

Una complessità che a partire dal 1964, data dell'ambientazione del film, trova la politica e le istituzioni giudiziarie dell'occidente del tutto impreparate.

Come film indipendente Il dubbio è senz'altro un capolavoro.

 Biagio Giordano

 

 

Fuocoammare

Fuocoammare, 2016. Un film di Gianfranco Rosi con Samuele Pucillo, Mattias Cucina, Samuele Caruana, Pietro Bartolo, Palma d'oro a Cannes, candidato all'Oscar 2017

Capolavoro per la drammaticità che suscita e le atmosfere psicologiche primordiali che evoca, un film che immette prepotentemente dentro la corazza di un presente ancora troppo esorcizzato, ricordandoci l'inutilità delle guerre soprattutto per la maggior parte delle popolazioni umili a cui certi conflitti, a differenza delle classi agiate detentrici spesso di qualche ombrello di potere, tolgono ogni futuro e speranza.
Forse destinato a vincere anche l'oscar: per un debito che Hollywood contrae spesso verso un cinema ricco di spessore storico e culturale come questo?

Biagio Giordano

 

 

Volto di donna (A Woman's Face)

Volto di donna (A Woman's Face) è un film in bianco e nero del 1941 diretto da George Cukor. Il soggetto del film è tratto dal dramma Il était une fois di Francis de Croisset...

Il film: Il male, legato alla propria bruttezza fisica, all'insoddisfazione che ne deriva, un male che suscita negli altri repulsione costringendo ad odiare e a fare del male...

Si può cambiare se un evento scientifico medico riporta a un certo punto la bellezza perduta?

Film di grande comunicazione empatica, con una trasmissione dei valori impregnati di sentimento e passione etica che è indubbiamente sopra le righe, aspetti oggi impensabili su certi temi cinematografici. Un film che riesce ad esaltare la funzione del cinema commozione, quello teso al bene, con delle recitazioni e riprese fotografiche magistrali, impressionanti nei tempi scenici del bene e del male, dirette da un regista assai acuto nel raccontare e nel creare tensioni drammatiche in crescendo, quale era George Cukor.

Joan Crawford insuperabile.

Biagio Giordano 

 

 

Velluto blu (Blue Velvet)

 

Velluto blu (Blue Velvet) è un film del 1986 scritto e diretto da David Lynch

L'altra faccia del civile, del normale, del comportamento bene: il male della perversione sessuale violenta, della maniacalità incontrollata e devastante di sè e degli altri, un male che certamente nel sociale e nel privato esiste nella sua pratica reale, e sfocia nel delinquenziale più orrido, ma che come parte oscura di sé può essere anche solo, da tutti, semplicemente desiderato, fantasticato, metaforizzato. sognato, negato, attraverso le complesse vie repressive del civile rimanendo per certi aspetti controllato per altri no.

Un male anche subdolo, che può prendere in ciascuno, attraverso la potenza del desiderio, vie diverse di scarica, lungo un gioco di spostamenti delle mete pulsionali tali da portare pericolosamente sul bordo del civile, sul suo confine più ambiguo...

David Lynch è attratto dal male sessuale in quanto questione che non riguarda solo i nevrotici ma per altre vie il mondo oscuro e ipocrita dei socialmente integrati e garantiti: ignari per eccesso di pudore del proprio inconscio più problematico...

Forse il film più coinvolgente di David Lynch, autentico poeta visivo, che fa del dramma estremo, esposto nei sui dettagli più raccapriccianti, uno specchio insinuante teso a interrogare l'inconscio dello spettatore inquieto e di quello per bene attratto dai desideri perversi degli altri...

Dennis Hopper eccezionale, indimenticabile nella parte del bordeline bisessuale...

Biagio Giordano


  Margin Call (Margine di salvezza) 

Margin Call (Margine di salvezza) è un film del 2011 scritto e diretto da J. C. Chandor ed interpretato da Kevin Spacey, Jeremy Irons, Zachary Quinto e Simon Baker

Film thriller finanziario.

Le 24 ore che precedono l'inizio della grande bolla finanziaria americana del 2007. Grazie alle previsioni di un attento e talentuoso giovane dipendente di una grande azienda finanziaria, che con opportuni modelli matematici proietta nell'immediato futuro le conseguenze di ciò che sta vedendo nei grafici dello schermo del computer, ossia strani e significativi dettagli di un immediato crollo della domanda dei titoli di proprietà dell'azienda, la casa finanziaria in cui lavora si salverà, con perdite però quasi catastrofiche.

La perdita anche solo del 25% dei valori dei titoli in mutui dell'azienda, cosa ipotizzata dal giovane dipendente osservando in modo geniale il tipo di andamento del mercato sul computer, avrebbe distrutto definitivamente l'azienda.

Vendendo quasi tutti i titoli, a valori minimi e in poche ore, l'azienda non fallirà...

Film asciutto, essenziale, concentrato tutto sulle assurdità e i paradossi della grande finanza americana, le cui gigantesche bolle create nell'economia reale nel 2007, verranno sgonfiate gradualmente dalla banca centrale americana con l'immissione di una gigantesca massa di nuova moneta a sostegno dei titoli in precipizio. Aspetto quest'ultimo che l'Europa, invasa dai titoli tossici americani, non potrà fare a causa dei suoi vincoli bancari tra nazioni diverse: con grave danno al sostegno della domanda verso la nostra industria...

Film di grandi emozioni, recitato con una eccezionale immedesimazione degli attori nei personaggi che incarnano...

 

 LE ALTRE RECENSIONI BREVI

 

 Biagio Giordano 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 






chiamaci su Skype

Il mio stato

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information