Settimanale Anno XVI
Numero 703 del 5 aprile 2020
Tel. 346 8046218
Cinema: Il massacro di Forte Apache Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO

Il massacro di Forte Apache

 Titolo Originale: FORT APACHE

Regia: John Ford

Interpreti: Henry Fonda, John Wayne, Shirley Temple, John Agar, Ward Bond

Durata: 2.07
Nazionalità: USA 1947
Genere: western
Al cinema nel Luglio 1947
Recensione di Biagio Giordano
Film reperibile in DVD e visibile nelle reti televisive

 Il massacro di Fort Apache è un film western del 1948 diretto magistralmente da John Ford. È il primo della trilogia sulla Cavalleria Usa girato dal grande regista, che proseguirà poi con altri pregevoli film come  I cavalieri del Nord Ovest (1949) e Rio Bravo (1950).

Il massacro di Forte Apache  allude in una forma romanzata al massacro di Little Big Horn del 1876, subito dal allora trentasettenne Generale George Armstrong Custer insieme a  tutti i suoi uomini, per mano dei nativi indiani apaches stretti in una coalizione.

In questo film la causa del massacro viene addebitata soprattutto alla paranoica ricerca di gloria del colonnello Thursday (che rappresenta storicamente il generale Custer), perfettamente interpretato da Henry Fonda. 


A  Thursday subito dopo aver preso il comando del Forte Apache viene segnalata un’azione terroristica degli apaches compiuta contro del personale isolato del suo reggimento addetto alla logistica. Il colonnello, accecato dall’ira pensa che i pellirossa abbiano intenzione di incutere paura al governo USA per difendere meglio le loro posizioni territoriali, e rifiutare quindi il ripiego nelle riserve progettate dallo stesso governo.

In realtà i pellerossa di quella zona, ancora avvolti in un magico mondo, si sentono padroni del loro territorio e invincibili, e nulla sanno delle reali forze in gioco attive in tutti gli Stati Uniti, forze che li avrebbero messi di lì a poco in netta difficoltà segnando per sempre il loro destino.

Gli apaches vogliono  discutere la pace  con il nuovo colonnello Thursday per evitare altri morti e disagi tra le loro tribù. Per voce del capo più rappresentativo, Cochise,  chiedono quindi di poter aprire una trattativa.

Il colonnello Thursday per non farsi nemico il suo capitano, favorevole alla pace, accetta dopo un lungo tergiversare, di trattare con gli apaches, lo farà tra le montagne della suggestiva Monument Valley. Gli spazi di discussione sembrano però ristretti, il  mandato governativo del colonnello è chiaro nella sua univocità: tutti  i nativi pellirossa se vogliono rimanere in vita devono cambiare modo di vivere, ripiegando nelle riserve senza eccezione alcuna.


 Il colonnello Thursday, molto formale e convinto che la richiesta di pace degli apaches sia un segno di debolezza, prende a pretesto, durante il colloquio, una banale offesa moralistica di Cochise al governo degli Stati Uniti, per rompere le trattative e dichiarare guerra ai pellirossa.

Sarà un grave errore. Gli apaches  sono in realtà più che mai pronti allo scontro. Essi sono convinti dal loro animismo primitivo di essere sostenuti dagli spiriti con cui si rapportano intensamente giornalmente, e hanno studiato   con lucidità la consistenza degli uomini e  del fuoco del reggimento presente nel Forte apache. Inoltre hanno stretto un patto di alleanza  con diversi  gruppi di nativi. Gli apaches sferrano quindi subito al colonnello Thursday un attacco mortale, memorabile, sorprendente, che occuperà per sempre, nella storia militare degli USA, una posizione di rilievo, soprattutto per l’impressione suscitata dal fatto di sangue nell’opinione pubblica americana.

La disfatta del colonnello Thursday sarà  totale, nel film egli  passerà  per un eroe, in quanto, pur potendo al termine della battaglia  fuggire, decideva per la morte, rimanendo in cerchio insieme agli altri pochi soldati rimasti, a sparare con le pistole gli ultimi proiettili rimasti contro la moltitudine inferocita degli apaches.

In realtà nella storia vera il comandante Custer volle quella battaglia soprattutto per le rassicuranti informazioni trasmessegli dai soldati-spia sulla reale consistenza  offensiva dei pellerossa in quel territorio.

La valutazione   sulle forze numeriche dei pellerossa e sulla loro reale capacità di fuoco, fu del tutto  sottostimata, cosa che dette al colonnello Custer, ignaro dell’errore,  il via libera per l’attacco. Quella disfatta  fece  anche capire meglio come  le battaglie militari si vincono  soprattutto se tutto il lavoro di squadra,  a volte oggettivamente molto complesso, funziona nell’eccellenza.

Il massacro di Forte Apache è un film cult, in bianco e nero, molto suggestivo, girato nei posti vicini ai veri teatri di guerra del ottocento che vedevano sovente i pellerossa scontrarsi drammaticamente con le forze governative statunitensi.


Nessun schieramento ideologico o patriottico dell'autore contamina il racconto filmico che mette al centro l'importanza della disciplina militare, ma anche della tattica, nonché del coraggio e del sacrificio eroico dei comandanti e dei soldati nel proseguire fino alla morte quelle battaglie che prendono ad un certo punto la piega inesorabile della sconfitta.

Il film rilascia però un interrogativo un po’ amaro. Il colonnello Custer avrebbe dichiarato guerra lo stesso agli indiani nel caso fosse stato necessario perseguire obiettivi militari a tasso di rischio più elevato? Magari in un'altra zona chiaramente dominata dai pellerossa,  dove lo scontro sarebbe stato reso necessario a causa di una situazione cruciale della guerra, e il cui esito eventualmente vincente della battaglia avrebbe consentito l’avanzamento di  truppe USA in altri  punti critici del territorio?

Film talmente ben curato nella composizione fotografica e così ricco di espedienti tecnici artigianali funzionali a dare  vivacità alle scene  da far sembrare ciò che accade nel racconto del tutto vero. Mai lo spettatore  si accorge che sta assistendo a una fiction...

Film di straordinario interesse cinefilo, che esprime dramma, poesia, senso di gloria e onore, sempre in modo credibile, creando anche nei più freddi cultori di cinema emozioni indicibili...

Biagio Giordano

    
 Appena usciti     

I LIBRI

DI BIAGIO GIORDANO

PUOI ACQUISTARLI QUI

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information