Settimanale Anno XVI
Numero 696 del 16 febbraio 2020
Tel. 346 8046218
CINEMA: il bacio dell'assassino Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO

Il bacio dell’assassino

Titolo Originale: KILLER'S KISS
Regia: Stanley Kubrick
Interpreti: Frank Silvera, Jamie Smith, Irene Kane, Jerry Jarret, Ruth Sobotka
Durata: h 1.16
Nazionalità: USA 1955
Genere: noir
Al cinema nel Dicembre 1955
Recensione di Biagio Giordano
Film reperibile in DVD, o visionabile in passaggi televisivi digitali o a parabola.

 Secondo lungometraggio per Kubrick che firma anche il soggetto originale, la sceneggiatura, la fotografia, il montaggio e la produzione. Il film è stato realizzato nel 1955 in 20 giorni ed è costato 75.000 dollari.


Kubrick rielabora  alcuni codici tipici del genere noir preannunciando quella che sarà la funzione artistica più significativa della sua storia di grande cineasta: potenziare il sistema dei generi Hollywoodiani dandogli nuove forme linguistiche fotografiche. Kubrick lascia il segno in quella che è da sempre una delle sfide storiche del cinema: portare la sintassi e la morfologia linguistica iconica dei film, a livelli più elevati; ciò al fine di dare maggiore spessore letterario, comunicativo e scorrevolezza al racconto filmico.

 Kubrick  apporta al cinema un contributo tecnico vincente costituito da teoremi visivi nuovi in grado di tradurre sempre meglio i pensieri più profondi in immagini.

Questo film ha consentito  al pubblico di fare esperienza con il talento straordinario di Kubrick. Talento letterario che si riconosce dalla capacità del regista nel rappresentare una storia senza mai sfilacciarne la corda narrativa che mantiene un rapporto di verosimiglianza e necessità rispetto al reale di straordinaria fedeltà. Questione anche di studio e di lavoro  immane (20 ore al giorno), nonché di idee puntualmente chiare su come correggere  con i suoi film le storture delle opere filmiche fin lì prodotte nel cinema, ossia andare oltre l'inventato avvalendosi della forza-risorsa che il confronto incessante con i limiti linguistici dei film del passato gli dava.


Ne Il bacio dell'assassino la cura tecnica e narrativa della fotografia in bianco e nero (ricercata e impressionista) è sorprendentemente nuova. Kubrick è sempre attento a dare all'inquadratura suggestione e profondità significante,  riuscendo a conferire  alla fotografia segni metonimici e metaforici di forte valenza comunicativa  a cui l’eccellente  montaggio conferirà spesso con blocchi di sequenza immagini una sintassi visiva simile per certi versi a  forme di pensiero.

Ad esempio la deformazione del viso del pugile Davy attraverso il vetro contenitore dell'acquario, con la telecamera posizionata di fronte al secondo vetro contenitore, è una scena che sembra preannunciare i toni animaleschi che assumerà l'imminente scontro pugilistico contro Gordon ma anche la prigionia esistenziale in cui si trova Davy in quel momento. E più avanti Davy in sonno vedrà l'immagine di un grande viale della città di New York, percorrerà il viale con l'immaginazione lungo una interessante modalità visiva della scena: con la pellicola in negativo. Il negativo dà un effetto incubo che fa perdere i contatti con i contorni ben definiti del reale che Davy sta vivendo in quel momento. Una scena che avverte telefonicamente lo spettatore dei guai che la passione per la bella vicina Gloria porterà a breve a Davy; il pugile verrà risvegliato dagli urli della ragazza che è anche sua vicina di casa, Gloria lo porterà subito ad essere testimone di una scena d'aggressione libidica nei suoi confronti da parte del padrone del locale notturno Vincent. Scena che sarà decisiva per la vita immediata e futura di Davy e Gloria perché l'uomo interviene a difesa della donna e inizia una relazione con lei.


Avvincenti verso il finale gli inseguimenti sui tetti di New York, da sempre nella storia del cinema le corse sui tetti richiamano qualcosa dell'immaginario collettivo più remoto; evocano l'altrove della fuga in città, tra luoghi inusuali che la polizia e il vicino di casa possono non conoscere lasciando quindi al riparo la mente da ogni intrusione. Inoltre le tegole o i piani dei tetti delimitati da muretti che compaiono all'improvviso e che occorre saltare (spesso infortunandosi) o scavalcare a seconda dell'altezza per proseguire la fuga divengono parte del codice linguistico noir. Elevano l'interesse narrativo rappresentando per ogni tipo di uomo braccato l'ultima possibilità di scampo; fuga anche da chiunque assuma nella propria vita le sembianze di uno straniante inseguitore: metafora delle peripezie esistenziali di ciascuno.

Trama. Come racconto questo film racchiude, dietro le quinte di ciò che appare come spettacolo noir, un trauma psicologico che riguarda la bionda protagonista Gloria.
Gloria soffre di un complesso di colpa per il suicidio della sorella. E' malinconica per non essere riuscita ad amare la sorella Iris (l'attrice Ruth Sobotka, seconda moglie di Kubrick) come sarebbe convenuto in una famiglia dignitosa e piccolo borghese. L'assenza d'amore verso Iris è dovuta a un forte conflitto: la sorella era sempre la più ben voluta e stimata in famiglia. Iris giunge al suicidio dopo aver sacrificato la sua passione per la danza alle esigenze di sopravvivenza della famiglia: sposando un uomo ricco che non amava.


Dopo il suicidio della sorella Gloria si ammala di depressione.
Il serio disturbo psichico la porterà a fare scelte di lavoro un po' autopunitive fino al punto da mettersi in guai seri. La sua bellezza e i suoi modi graziosi ed eleganti vengono brutalmente sfruttati in un locale notturno per uomini di New York. Il padrone del locale Vincent ha trascorsi poco puliti nonché nel presente ha tendenze criminali prive di scrupoli. Si infatuerà di Gloria per la sua bellezza e arrendevolezza. Un'arrendevolezza però sintomatica che testimonia e nasconde nello stesso tempo i seri problemi patiti nel passato in famiglia. Gloria ama il pugile  Davy venuto in suo soccorso durante l’aggressione di Vincent, e non può fare a meno a un certo punto di manifestare la sua repulsione per Vincent. L'amore tra Davy e Gloria è fortemente contrastato dall'intervento di Vincent che divorato dalla passione per la donna vuole uccidere Davy.

Lo scontro più cruento fra i due uomini è, dal punto di vista visivo, memorabile perché avviene in un vecchio magazzino di manichini di donne, in mezzo a corpi mutilati e mani finte penzoloni che danno l'idea di protesi con caratteristiche simboliche chiaramente riferite alle vicende del film. Protesi-metafore che si riallacciano ai contenuti più filosofici della narrazione. Il film sembra infatti voler dire che la bellezza della donna non sempre è fruibile per uno scambio d'amore fertile di felicità o piacere. A volte le circostanze problematiche della vita possono portare ad usare il corpo femminile come protesi e manichino, come parti di complessi sintomi. Nel senso che ciò che viene a formarsi nella mente umana dopo alcune difficoltà esistenziali giace come mancanza indistruttibile in un altro nostro registro psichico: in una parte stratificata dell'inconscio, importante e oscura; una zona che è in relazione con il tempo degli eventi patiti; cioè qualcosa di sé dimenticato ma attivo e funzionale alla creazione di sintomi di insicurezza sociale e perdita di identità. Allora in questo caso la ricerca della libertà diventa per il pugile Davy problematica perché essa appare fittizia, sintomatica, malata di ciò che è accaduto in modo negativo nel suo passato. Davy non può liberarsi da quello che è perché quello che  a lui sembra dimenticato rimane invece attivo in un altro registro psichico, più inconscio.


Kubrick sembra voler dire che la libertà non sempre è un'esigenza semplice e chiara dell'essere umano, qualcosa che è possibile perseguire senza fraintendimenti. Nell’azione per raggiungerla e mantenerla essa può a volte assumere la caratteristica di una fuga mascherata; una fuga contorta come è ad esempio quella che intraprende Davy dai suoi ricordi spiacevoli; ricordi che per via del lavoro della rimozione si percepiscono appena e in modo distorto complicando le relazioni con il mondo.

Biagio Giordano

    
 Appena usciti     

I LIBRI

DI BIAGIO GIORDANO

PUOI ACQUISTARLI QUI

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information