TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 681 del 20 ottobre  2019
Tel. 346 8046218
Elezioni. Sono i numeri a parlare chiaro Stampa E-mail
Scritto da GIULIANO ARNALDI   
 

Elezioni. Sono i numeri a parlare chiaro

 Penso che uno dei difetti dei politici sia la doppiezza, ovvero dire cose diverse in pubblico e in privato: alcuni lo fanno in buona fede, pensando che la verità non sia sempre opportuna. Io penso esattamente il contrario, a maggior ragione in questo momento. Ecco perché  uso la  forma pubblica per esprimere la mia opinione di iscritto al Pd: non so se, quando e come mi sarà consentito farlo nelle sedi adeguate.


 

Mi limiterò a ragionare sul centro sinistra e sul centro moderato, non occupandomi della sinistra radicale e della destra xenofoba. Mi riferirò solo al territorio che conosco bene, immaginando purtroppo che questo ragionamento non valga solo per il Ponente.
Raramente i numeri hanno espresso una verità così solare: sono i numeri a dire  che non  abbiamo perso solo per Pastorino (dentro quel 9% ci sono elettori di Sel, Rifondazione e altro che non avrebbero mai votato questo Pd).

Sono i numeri a dire che non abbiamo convinto il centro moderato, che vota nuovamente chi conosce e chi resta coerente. Sono i numeri a dire che abbiamo perso migliaia di voti in termini assoluti, e che è quindi ragionevole pensare che dentro l'astensionismo, che riguarda la metà del corpo elettorale, ci sia tanta parte del nostro elettorato. Sono i numeri a dire che le preferenze le prende chi convince, e non chi è sostenuto dall'apparato del Partito. De Vincenzi, recordman assoluto, vince nonostante i capi corrente del Pd. Dove c'è un capetto locale, che a parole dichiara di sostenere De Vincenzi, nei fatti troviamo un altro tipo di voto organizzato. Prendiamo il caso di Albenga: qui l'ex Sindaco di Pietra prende circa 400 preferenze (ed è logico pensare che sia consenso personale e aiuto di singoli esponenti locali), mentre Rambaudi e Righello ne prendono 125 a testa. Basta confrontare questi dati con quelli delle Primarie Cavarra/Lunardon per vedere una semplice verità: questi signori campano su una stabile rendita elettorale modestissima e fondata su chissà cosa, che diventa determinante quando è sommata al voto di opinione. Se questo cala, questi signori ( e purtroppo il Partito) vengono sconfitti.


 C'è chi si è dichiarato bersaniano, poi renziano, poi tutti paitiani, poi "io l'avevo detto"....sempre con un consenso personale da Amministratore di condominio.... Il buon senso e la decenza direbbero che si deve azzerare tutto: è  difficile pensare che i responsabili del fallimento siano contemporaneamente i protagonisti del cambiamento, e non penso basterà buttare la croce sulla povera Lella ( che fino a ieri osannavano..).

C'è inoltre un problema più profondo: nella politica girano troppi interessi personali: quando è sufficiente autoproclamarsi Candidato alle Regionali e fare la voce grossa qualche mese per ottenere un incarico pubblico, retribuito e tacitante c'è qualcosa che non quadra. Quando la propria attività lavorativa dipende o può dipendere dai politici e' difficile avere il coraggio della verità. Anche evocare un trend negativo causato da Renzi è ridicolo: abbiamo perso solo in Liguria..certo il problema dell'astensionismo - che è il vero problema politico - e' un problema nazionale, ma qui sono più i nostri ad essere rimasti a casa! Sono i numeri a dire che le alleanze non si  fanno nei palazzi  ma sul territorio. Mi dispiace tirare sempre in ballo il povero Schneck - che tra l'altro è uscito di scena in modo sincero e dignitoso - ma è un esempio lampante: alla luce del risultato che ha fatto qualcuno si domanderà se son più quelli che ci ha fatto perdere (anche a destra, perché l'incoerenza non paga) o quelli che ha portato? Se gli Strateghi di Lella avessero fatto un giro nei bar di Albenga questa cosa sarebbe stata chiara anche a loro.


Che fare? Intanto cose concrete e lungimiranti, come ad esempio liberare gli Enti a nomina pubblica dall'abbraccio mortale dei politici. C'era  una proposta di legge regionale, nota come il Lodo Miceli, che si è persa nei corridoi del Palazzo quando eravamo al Governo. Almeno dall'opposizione riportiamola in vita... Poi azzerare ogni vertice regionale e locale e avviare una grande discussione sincera, spietata e costruttiva, coordinata direttamente da Renzi. Cercare quello che di buono c'è sul territorio, nelle Amministrazioni Comunali, nell'associazionismo, e non cercare solo ciò che è utile al consolidamento del potere. È il consenso che deve prevalere  sul potere, e non viceversa...

GIULIANO ARNALDI

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information