Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Bomba demografica: priorità salvarli o salvarsi? Stampa E-mail
Scritto da MARCO DELLA LUNA   
 
Bomba demografica:
priorità salvarli o salvarsi?

Le principali cause dell'emigrazione di massa dall'Africa e da parte dell'Asia sono note: la sovrappopolazione e la super natalità, lo sfruttamento agricolo e minerario da parte del capitalismo occidentale e cinese, il tribalismo sociale, l'islamismo, il deterioramento e impoverimento dell'ambiente, la desertificazione, le conseguenti epidemie, carestie, siccità.

Queste cause riguardano centinaia di milioni di persone (negli anni 60 l'Africa aveva 300 milioni di abitanti e oggi oltre 1 miliardo, alcuni paesi principali hanno quintuplicato la popolazione), quindi il numero dei potenziali profughi o emigranti che investiranno soprattutto l'Italia è di centinaia di milioni e cresce continuamente col crescere della popolazione delle zone di provenienza. Sia chiaro, pertanto, che non vi è un numero determinato di persone in difficoltà da "salvare", da "accogliere", sistemate le quali il problema sia esaurito. Ce ne saranno sempre di nuove.


Seppure con la collaborazione di tutti i paesi europei, collaborazione che non c'è, sarebbe impossibile raccoglierli e inserirli. Anche perché, non dimentichiamo, una volta immigrati, continuano a riprodursi ai loro tassi usuali e l'integrazione nel complesso non avviene.
Le cause che determinano l'emigrazione di massa sono tali da non poter essere risolte con i mezzi disponibili all'Italia o in generale alla politica. La tesi che l'aumento del tenore di vita e del livello di istruzione porti a una riduzione della popolazione non può essere applicata per diverse ragioni. Innanzitutto, per innalzare il tenore di vita di centinaia di milioni di persone in quelle condizioni e mentre continuano a riprodursi con quel tasso di natalità, non esistono mezzi economici e industriali, e se esistessero, produrremmo un disastro ecologico. In secondo luogo, sembra che il calo di natalità sia il presupposto, e non la conseguenza, dell'aumento del tenore di vita. In terzo luogo, bisognerebbe aumentare il loro pil molto più di quanto aumenti la loro popolazione fino a quadruplicare almeno il reddito - il che è impensabile.
In conclusione, gli scenari possibili sono i seguenti:
Uno: l'immigrazione di massa continua a crescere, travolgendo il sistema sociale e costituzionale, e portando gradualmente l'Italia e altri paesi a livello dell'Africa, e a quel punto il flusso si ferma appunto perché non c'è più convenienza a venire qui. Ordine pubblico, welfare, scuola e sanità saranno travolti per primi. Potremo avere sommosse e condizioni per una svolta autoritaria, e le riforme costituzionali ed elettorali di Renzi si prestano proprio a questo.
Due: si blocca l'immigrazione con tutti i mezzi necessari come fanno già paesi quali l'Australia, e se occorre anche con mezzi più risoluti, senza debolezze. Bisognerà sostenere l'impatto morale di alcune migliaia di morti e la reazione  di coloro che attualmente guadagnano  con l'immigrazione, appoggiati dalla Chiesa e delle sinistre col loro business nel settore.

Se poi si vuole risolvere il problema  in sè, non potendosi intervenire, perlomeno in tempi brevi o medi sulle altre cause, non resta che intervenire sulla natalità, e l'unico mezzo per farlo rapidamente ed efficacemente sarebbe la sterilizzazione di massa, che è improponibile. Quindi il problema resterà e si aggraverà, le tensione emigratorie diventeranno sempre più forti, il problema demografico sempre più esplosivo, sicché a un certo punto ciò che oggi suona improponibile può divenire proponibile e inevitabile.
Con quanto sopra, intendo solo descrivere gli scenari possibili, evidenziando l'alternativa davanti a cui ci troviamo.
Credo che la parte forte ed efficiente dell'Europa potrà selezionare e gestire i suoi flussi di immigrazione, mentre l'Italia semplicemente continuerà sulla linea che sta percorrendo e subirà un'immigrazione incontrollata per quantità e qualità, che non verrà integrata, ma verrà usata come ora, cioè per manodopera sottopagata o in nero, per spaccio e prostituzione, per lucrare sull'accoglienza; in generale, la destinazione dell'Italia è diventare un contenitore di manodopera sottoqualificata e sottopagata, di pensionati, di invalidi, di disoccupati cronici, di dipendenti pubblici inutili, nonché ovviamente di debito pubblico, gestita da un governo corrotto e fantoccio, costretto a divenire repressivo per mantenere il controllo, entro un'organizzazione europea dove il grosso del reddito e della capacità politica, finanziaria e tecnologica è concentrato nella Germania e in pochi altri paesi creditori strategici. Anche per questo verso, la divisione tra i paesi europei è destinata ad allargarsi.

28.04.15 Marco Della Luna

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information