Settimanale Anno XVI
Numero 697 del 23 febbraio 2020
Tel. 346 8046218
Residenze, seconde case o alberghi? Stampa E-mail
Scritto da Guido Luccini   

Le scelte obbligate sulle aree ex industriali e demaniali
Residenze, seconde case o alberghi?
Chi garantisce più posti di lavoro
La crisi mondiale potrebbe dare una spinta benefica per evitare nuovi errori

Savona-  Sarà arrivato il momento delle decisioni? I nuovi vertici degli albergatori si saranno finalmente convinti che occorre cambiare strategie senza le quali non ci sarà futuro, se non quello delle parole,  degli annunci sempre generosi di promesse?

Con la crisi in atto la situazione potrebbe ulteriormente precipitare. Ecco perché bisogna avere il coraggio di decidere.

Residenze, seconde case o alberghi?

Sicuramente qualche lettore avrà seguito le mie ultime disquisizioni nell’articolo dal titolo “Navi a terra”... vedi .

Forse per colpa mia non riesco a spiegare in modo chiaro e semplice i concetti che intendo esprimere, e farne partecipe la categoria degli albergatori savonesi ed imperiesi, a mio avviso le grandi “vittime” della distorsione dell’economia turistica-alberghiera.

1)    Se sulle aree ex industriali, demaniali o comunque a disposizione delle amministrazioni locali, in modo o nell’altro di pertinenza di politici di turno, si edificano  come per esempio a Salerno, sul mare, ed in Variante al Piano Urbanistico Comunale 15.000 mila mq.  di alloggi residenziali, il valore del terreno su cui si edifica può aggirarsi, a questo punto, attorno ai 3.750 mq di “alloggi chiavi in mano”.

2)    E la cittadinanza può cosi godere di una cinquantina di alloggi o del loro ricavato investito in opere pubbliche. Però i corrispondenti posti di lavoro creati possono assurdamente quantificarsi in un massimo di 5 o 6 unità.

3)    Se sulla stessa area a mare, si edifica un Hotel-Turistico della stessa superfice di 15000 mq, alla cittadinanza  non spetta nulla, però in compenso i posti di lavoro creati possono tranquillamente quantificarsi in 250 unità lavorative (vedi Trucioli n.222 del 15 novembre 2009).

4)    Se sulle restanti aree edificabili, di proprietà di cittadini privati, si continuerà a costruire, e solo ormai sui tragici versanti di cui a suo tempo ho accennato (vedi Trucioli 216 del 4 ottobre 2009); agglomerati tipo l’Artesina, Prato Nevoso, o Limone Piemonte, le coste del nostro Paese, della nostra Liguria ponentina in particolare, si ritroveranno con la moltiplicazione all’infinito dei tristi problemi occupazionali di queste contrade.      

Lascio agli albergatori, ma soprattutto alla classe politica più sensibile e oculata, le conclusioni.

Guido Luccini  

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information