Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Destra, sinistra e cemento Stampa E-mail
Scritto da Ferruccio Sansa dal Fatto Quotidiano   
 
Destra, sinistra e cemento:
i costruttori controllano stampa e voti

Su una cosa destra e sinistra sono d’accordo: il cemento. La parola “ambiente” ha uno strapuntino nei programmi, ma poi, alla prova dei fatti, amministrazioni e governi di qualsiasi colore – eccetto Verdi, Cinque Stelle e magari quel che resta dei comunisti – votano “sì”. Costruire.

Che siano colossali operazioni immobiliari, porticcioli, autostrade, piste di aeroporti o perfino rifugi di montagna che ricordano basi spaziali. Addio alle bandiere rosse o azzurre, sui megaprogetti sventolano quelle grigie del partito del cemento. Chiarificatrice la definizione del sindaco di Sarzana (Pd), Massimo Caleo, in pista per il Parlamento: “Noi siamo per la conservazione attiva”. Che nel suo caso significa un porticciolo da quasi mille posti più case, negozi, eccetera, proprio alle foci del fiume Magra che ogni anno provoca alluvioni.

Resta la domanda: che cosa spinge chi governa a puntare sull’industria del mattone? Miopia, talvolta. In Veneto ci sono interi paesi di case vuote. In Italia c’è un record di proprietari di abitazioni mentre la popolazione continua a calare (in alcune cittadine delle nostre Alpi il 95% delle case sono vuote) e acquista sempre meno immobili (a causa della crisi e delle tasse). Difficile pensare che si vogliano dare abitazioni ai bisognosi, perché in Italia solo il 4% degli appartamenti nuovi sono destinati all’edilizia convenzionata (nel nord Europa si arriva al 25%). Per costruire quattro case popolari bisogna realizzarne sei volte più che altrove.

 

Il cemento come motore dell’economia e del lavoro? Falso. Questo settore offre occupazione a breve termine – legata alla realizzazione del progetto – e di solito poco qualificata. Ma il mattone rischia anche di divorare la principale industria del nostro Paese: il turismo che produce il 15% del Pil. Insomma, preservare il paesaggio conviene anche economicamente.

 

Ma allora perché l’Italia punta sul cemento? Miopia, appunto. O peggio: i grandi costruttori hanno santi in paradiso, anzi in Parlamento. Tra i grandi imprenditori autostradali ecco esponenti del centrodestra. Al Nord tra i costruttori invece dominano le cooperative dette “rosse”. Insomma, sostenere il cemento conviene. Anche politicamente: molti re del mattone hanno le mani nell’editoria, dai giornali locali ai colossi nazionali. Sostenerli potrebbe voler dire garantirsi l’appoggio dell’informazione. Cioè voti. Siamo sempre lì.

 

 Ferruccio Sansa  da  Il Fatto Quotidiano

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information