TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 681 del 20 ottobre  2019
Tel. 346 8046218
SAVONA COSMOPOLITA Stampa E-mail
Scritto da UGO TOMBESI   

SAVONA COSMOPOLITA

L'export della provincia di Savona vale circa 1,5 miliardi di euro all'anno e, prosegue Punto Savona del numero scorso, "rappresenta l'unica nota positiva per il sistema economico savonese"; ma, per vendere all'estero, servono imprese competitive e questo vale sia per le grandi aziende sia per le piccole". 

Sono dati della Camera di Commercio di Savona che dovrebbero far riflettere, visto che questa propensione ad esportare ha riflessi positivi sulla nostra economia in tempi di durissima crisi.

Savona si conferma una città che, nonostante tutto, non rimane schiacciata nel localismo. A confermare la vocazione internazionale della città ci sono le cifre, che lo stesso Punto Savona, pubblica a proposito di un'insospettata vocazione imprenditoriale degli immigrati che abitano Savona e provincia. Non sto a riportare le cifre e le percentuali degli immigrati e immigrate, impegnati ormai  non soltanto nel lavoro di cura ai nostri anziani e bambini, ma nell'apertura di vere e proprie imprese: nell'edilizia (albanesi e rumeni) nella ristorazione (cinesi e nordafricani), nel commercio ambulante e non (un pò tutti i gruppi di immigrati). Purtroppo restano ancora sconosciuti i dati circa la percentuale di PIL savonese che contribuiscono a formare. Sotto questo profilo il riconoscimento della cittadinanza onoraria a più di 40 bambini nati da genitori stranieri da parte dell'amministrazione comunale di Savona anche per la reiterata  volontà dei consiglieri Vignola (PD) e Pongiglione (NOI PER SAVONA) ci pare un atto non solo di generosità, che ci induce tutti alla commozione, ma un atto dovuto che dovrebbe diventare esemplare per tutti i sindaci e amministratori dei comuni della nostra provincia, meglio se allargata.

Sovente sono stato, spero, costruttivamente critico verso chi amministra la mia città, che amo, e credo che senza pregiudiziali questo stimolo debba continuare ad essere esercitato. A quando dunque una soluzione al problema della moschea? Non facciamo che, come accaduto a pochi kilometri da noi, essa diventi un problema che divide. Chi ha della religione un' idea non faziosa e combattente, come chi scrive, sa che la garanzia per tutti di un luogo di culto adeguato, è per una città un vero e proprio elemento di arrichimento sociale e stando ai dati esposti sopra, persino economico.

Il cosmopolitismo, senza chiudere gli occhi dei problemi che comporta, fa bene alla nostra Savona e alla sua provincia lunga o corta che sia e sentirci cittadini del mondo è un'ottima cosa, non solo quando ci scopriamo sorpresi dalle fotografie che crocieristi, venuti da molto lontano, fotografano i nostri splendidi edifici di via Boselli piuttosto che di Corso Italia o via Paleocapa, ammirati da quella Savona ottocentesca a cui noi, nati qui, non facciamo più neppure caso E senza carbone e piattaforme!

 

UGO TOMBESI     17.11.2012

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information