GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 655 del 17 marzo  2019
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA 
L’onore di Scajola non tramonta Stampa E-mail
Scritto da Trucioli Savonesi   

 L’onore di Scajola non tramonta

Nonostante i ‘saggi’ consigli di Coletti 

L’ottimo scrittore, professore, Vittorio Coletti, imperiese doc, ha scritto su la Repubblica – edizione Liguria – del 18 dicembre 2011, uno dei tanti articoli che in questi ultimi anni ha riservato a Claudio Scajola, concittadino illustre, unico ‘capopartito’ riconosciuto del ponente ligure, ma anche tra i più introdotti nei gangli del potere che conta della Liguria. E non solo.

Già in un’altra occasione abbiamo avuto modo di osservare che analisi e 'fotografie' di Coletti sulla più recente realtà imperiese e sul ruolo (di dominus?) di Scajola avevano un piccolo limite informativo. Carenza di  visione complessiva del 'pianeta Scajola'.

 La parziale conoscenza, almeno per quanto si leggeva, del “vero, autentico re Scajola” e dei  dintorni, dei meandri, sia nell’imperiese, sia nel savonese. E oltre.

La grottesca vicenda “casa del Colosseo” (vedi articolo de Il Secolo XIX), ovvero un dono di oltre un milione di euro, potrebbe essere solo la punta dell'iceberg di ricchezza accumulata negli anni di potere e di politica? Un interrogativo al quale si potrebbe rispondere se accadesse, come in molti paesi più trasparenti e democratici: ovvero dichiarare, conoscere la consistenza patrimoniale, bancaria, le acquisizioni, le spese, affrontate dall’intero nucleo famigliare di colui che aspira a ruoli di primo piano nella guida politico-amministrativa pubblica. Da dove si è partiti e il “forziere” accumulato.La documentazione storica all’Agenzia delle Entrate, ex ufficio Imposte.

Forse è casuale che il bravo Coletti non abbia mai pensato di domandarsi se i principali “guerrieri” di cui si è attorniato Claudio Scajola abbiano a loro volta problemi, vizietti, conti in sospeso con la giustizia. Di quale spessore, di quale consistenza. Dai presidenti di Provincia (inquisiti o rinviati a giudizio), a sindaci, assessori, consiglieri.  Anche per loro si potrebbe invocare il senso dell’onore smarrito? Si parte dall'associazione a delinquere, all'abuso d'ufficio, al falso, alla corruzione, all'illecito edilizio.

E’ vero che l’onore va sparendo, ma è desolante quando il gruppo, lo schieramento dirigente di un vasto territorio abbia di fatto perso orgoglio e dignità politica nella gestione della cosa pubblica (non c’entra la vita privata). Almeno 25 sono i pubblici amministratori scajolani in attesa di processo o già condannati col patteggiamento. 

Scajola era stato apprezzato quando rassegnò le dimissioni da ministro, ma i suoi seguaci locali – con qualche rara eccezione – continuano a ricoprire ruoli anche istituzionali importanti nonostante siano inquisiti, o rinviati a giudizio, o alle prese con condanne, magari in attesa del terzo grado di giudizio e in altri casi baciati dalla prescrizione del reato.

Non è un problema di consigli legali, giusti o sbagliati, elargiti al nostro Scajola, semmai è rendersi conto che chi dovrebbe dare il buon esempio da anni predica bene e razzola male. Persino con la benedizione episcopale.

Per questo siamo convinti, contrariamente a Coletti, che Claudio Scajola, anche se condannato, non perderà il ‘suo onore’. Altrimenti da generale, resterebbe pure senza soldati (con onore).    

SCAJOLA, IL PROCESSO E IL SENSO DELL'ONORE

di Vittorio Coletti da La Repubblica

Ora che è stato rinviato a giudizio per la faccenda della casa, Claudio Scajola dovrebbe far causa al suo avvocato. Infatti, col comportamento processuale che gli ha suggerito, non ha evitato il processo e in compenso ha distrutto la sua immagine. Nella memoria difensiva dell’ ultimo minuto Scajola fa qualche ammissione che, se fatta all’ inizio, a viso aperto, non gli avrebbe forse evitato il processo cui oggi viene rinviato, ma certo avrebbe molto giovato alla sua immagine pubblica. Scajola doveva andare subito dai magistrati, dire la verità, qualche che essa sia, e magari avrebbe potuto cavarsela meglio anche sul piano giudiziario.

 Di sicuro ne avrebbe guadagnato su quello personale. È singolare come il tatticismo giudiziario degli avvocati possa fare più danni che benefici all’ assistito, specie quando questi è un uomo pubblico, per il quale il giudizio della collettività è più pesante di quello di un tribunale. S i tratta di una delle tante patologie della nostra cosiddetta giustizia. L’ ufficio del pubblico ministero è considerato un luogo nemico, da cui non solo il colpevole ma persino l’ innocente deve girare al largo. Magari, purtroppo, è in parte davvero così, perché spesso i pm paiono accanirsi nelle loro accuse anche quando risultano visibilmente infondate e respinte dagli stessi collegi giudicanti. Personalmente, ho dei dubbi persino sull’ opportunità dell’ appello da parte delle procure, perché se lo Stato (la procura) accusa uno di essere colpevole e lo Stato stesso (la corte) lo assolve, lo Stato se ne dovrebbe stare e non reiterare l’ accusa che ha appena giudicato infondata. In ogni caso, se si pensa alla procura come al luogo in cui la comunità indaga per verificare se qualcuno ha commesso (o non ha commesso) un crimine, allora un bravo cittadino, specie se si sente senza colpe, dovrebbe avvertire lui per primo il bisogno di esservi ricevuto e ascoltato.

Chi è innocente o pensa in buona fede di non aver commesso un reato invoca il magistrato. Ma anche l’ onesto che lo ha commesso involontariamente, o senza accorgersene, o per una momentanea debolezza o necessità, lo reclama, e ammette le sue colpe, chiedendo di essere giudicato con clemenza. Qualche mese fa a Sanremo, il conducente di un Suv ha invaso la corsia opposta e ucciso tre ragazze di vent’ anni. L’ uomo, un avvocato, ha fatto sapere di essere moralmente distrutto dall’ incidente provocato. C’ è da credergli. Ma perché non si è presentato al magistrato che lo aveva subito convocato? Certo, il procuratore avrebbe potuto contestargli imprudenza nella guida e accusarlo di un reato giuridicamente più grave; ma chi ammazza tre ragazze, per fatalità o tragico errore, può calcolare i vantaggi e gli svantaggi di una sua deposizione o dovrebbe correre in procura ad assumersi tutte le sue responsabilità, quali che esse siano?

Nel savonese, un chirurgo ha tolto l’ unico rene sano a un paziente che doveva operare alla milza. Prima di decidersi ad affidare al suo avvocato qualche parola di chiarimento, ha rifiutato di andare dal magistrato e, singolarmente, quando ha parlato, più che chiedere scusa del suo errore, ha cercato di giustificarlo. Il fatto è che il senso dell’ onore, come tutela non del proprio orgoglio ma della propria rispettabilità, sta sparendo o viene dopo troppe altre cose. Tra difendere la propria onorabilità e un posto di potere i più hanno già scelto. Non c’ è figura più eloquente di questo decadimento morale della delega alle procedure giudiziarie del compito di accertare l’ onestà di una persona. Le procedure giudiziarie (pubblici ministeri, avvocati, udienze ecc.) accertano la sua posizione legale, ma quella morale non saranno le astuzie di un avvocato a garantirla, come non la compromette un’ eventuale condanna se affrontata a viso aperto e riconoscendo le proprie responsabilità.

Oggi lo scrupolo morale e il senso dell’ onore si sono così affievoliti che si fanno coincidere con le risultanze di un processo, di manovre spesso burocratiche e cavillose (prescrizioni, legittimi impedimenti, ricusazioni, ecc.). Per cui, persino uno che ha stroncato in un istante tre giovani vite calcolai proei contro del suo comportamento processuale, piuttosto che il peso morale della sua colpa involontaria. Le sottigliezze avvocatesche prevalgono così su tutto e l’ esito giuridico tiene il luogo di un giudizio morale. Col risultato, che se uno, come Scajola, finisce sotto processo e poi viene condannato, ha perduto non solo la causa, ma anche l’ onore. Mentre questo, cui pure, dimettendosi da ministro (tra i pochi ad averlo fatto), aveva mostrato di tenere, poteva salvarlo con un umile gesto di sincerità e rispetto della legge.

 

Vittorio Coletti, la Repubblica – 18 dicembre 2011

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa



 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information