TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 680 del 13 ottobre  2019
Tel. 346 8046218
il Comune di Vado laboratorio di democrazia Stampa E-mail
Scritto da Pietro Corona   
 Nota a margine sul dibattito relativo
alla piattaforma Maersk di Vado Ligure

Intervengo con ritardo sul tema in epigrafe poiché, sia da quanto è stato puntualizzato dalle opinioni espresse in rete, sia dagli articoli apparsi su diversi organi di stampa, mi pare non sia emerso un fattore di grande rilevanza che ha caratterizzato tutto l'iter del progetto e le prese di posizione che ne sono conseguite.

Occorre, a mio avviso, mettere  in rilievo che il Comune di Vado è in questo momento un importante laboratorio di democrazia e partecipazione per la nostra Provincia; infatti si sono svolti in questo Comune eventi di grande rilievo sotto il profilo sia della democrazia diretta sia di quella rappresentativa. Intendo riferirmi al referendum popolare che ha espresso in modo inequivocabile la scelta della cittadinanza, ribadita con il grande appoggio alla lista del sindaco Caviglia il cui programma era incentrato sul reciso diniego all'attuazione della piattaforma.
 

In conseguenza di queste espressioni di autentica democrazia il Comune di Vado è diventato campo di battaglia fra la volontà popolare e gli interessi dei poteri forti che questa volontà tentano di coartare con ogni mezzo.

Esiste, a mio parere, nella nostra Provincia una cupola massonico- imprenditoriale-politica che decide chi deve vincere le elezioni e dove, in base ad una sorta di Yalta basata sull'equivalenza degli affari fra Destra e Sinistra. Si vedano a questo proposito i casi dei Comuni del levante della Provincia (Albisola Superiore, Celle, Varazze) dove, con abili mosse poste in atto (senza per altro commettere né reati penalmente perseguibili né illeciti amministrativi) dai leaders degli opposti schieramenti, si sono determinati i risultati delle elezioni del 2009 impedendo l'espressione della libera volontà popolare e promuovendo amministrazioni in cui sono inseriti i referenti del partito del cemento.

Vado Ligure è senza dubbio l'unico Comune del Savonese (escludendo forse Albissola Marina già abbondantemente cementificata dalle precedenti giunte di centro-sinistra e centro-destra) sfuggito al super potere della cupola poiché i reali interessi della cittadinanza, portati avanti dall'attuale compagine amministrativa, sono risultati, finora, prevalenti sul tentativo di realizzare operazioni fortemente remunerative per soggetti ben determinati ma devastanti per il territorio.

In conclusione ritengo che il sindaco Caviglia, l'assessore Illarcio e tutta la giunta debbano essere sostenuti non solo dai cittadini vadesi, ma da chiunque nella nostra Provincia si batte affinché l'interesse pubblico prevalga sui tentativi di adoperare la politica per fini diversi da quelli che dovrebbero caratterizzarla in quanto strumento di reale partecipazione alla costruzione di una società basata su principi di legalità e di sana amministrazione. 

Pietro Corona ex amministratore comunale di Albisola Superiore, cofondatore ed iscritto al locale Circolo del Partito Democratico

 

Il sindaco Caviglia e il vice sindaco Guelfi

 

L'assessore Illarcio
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information