SETTIMANALE anno XVII
n° 748 del 18 aprile 2021
tel 346 8046218

Venerdì santo Stampa E-mail
Scritto da Giovanna Rezzoagli Ganci   

GESU’ MUORE OGNI GIORNO

Ogni venerdì santo, alle tre del pomeriggio, si rinnova il ricordo della morte di Gesù crocifisso. Nel piccolo paese dove sono cresciuta, le campane tacevano da quel momento sino alla mattina di Pasqua.

Quando ero piccola, mi commuoveva sempre la figura di quell’uomo inchiodato sulla croce, tanto che nella mia ingenuità di bambina, appena potevo staccavo il crocifisso dalla parete per adagiarlo sul tavolo, credendo che il Cristo sentisse meno il dolore dei chiodi se messo orizzontale. Poi crescendo, com’è ovvio, si dimensionano le suggestioni della prima infanzia e, forse, si abbandona almeno in parte lo stupore di fronte al bello ed al brutto dell’esistenza. Si tende a diventare più disincantati, più cinici. La figura di un uomo giovane, coraggioso, moderno per la sua epoca, che oggi in molti non esiterebbero a definire anticonformista, mi ha sempre affascinato.

Ed oggi, adulta ma forse ancora un poco ingenua, mi chiedo: come sarebbe accolto il Cristo se venisse oggi in mezzo a noi? Come ci saremmo comportati noi nei suoi confronti 1977 anni fa? Nei giorni che precedono la Pasqua una riflessione in tal senso può essere utile. Questo giovane uomo coraggioso disse che qualunque cosa si fosse fatta ad un suo fratello più piccolo, sarebbe stata come fatta a lui.

Come verrebbe trattato oggi un uomo che dicesse che siamo tutti uguali, che il perdono è un valore da custodire per chi lo offre e per chi lo riceve? Forse verrebbe giudicato dai più accondiscendenti uno psicolabile, dai più furbi un pericolo, ma quanti di noi non lo giudicherebbero? Quanti di noi si fermerebbero ad ascoltare le sue parole? Chissà. Proviamo a ribaltare i termini della questione: quante volte abbiamo davvero ascoltato qualcuno? Quante volte siamo stati capaci di perdonare davvero un torto ricevuto, vero o presunto che fosse? Chissà. Dalla morte di Gesù sulla croce sono passati quasi due millenni, e cosa è cambiato tra noi? Siamo forse meno giudicanti, meno pronti a lavarcene le mani di chi incontriamo, a vario titolo, sul nostro cammino, dei nostri simili vissuti nell’anno 33d.C.? Se è vero che il Cristo vive in ogni nostro fratello più piccolo, allora Gesù muore ogni giorno, migliaia di volte ogni giorno.
 
 Giovanna Rezzoagli Ganci
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information