TRUCIOLI SAVONESI 
Settimanale Anno XIII
Numero 583 del 30 Luglio 2017
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA

Torniamo a settembre.
Buone vacanze a tutti


Scuse ai fratelli Fotia di Scavoter Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Trucioli Savonesi   
LE SCUSE AI FRATELLI FOTIA
Nell’ ultima relazione annuale DNA del dicembre 2010 la famiglia Fotia non è menzionata
 

 Ci  scusiamo con i fratelli Fotia, soci della società SCAVOTER Srl, per aver pubblicato un articolo ripreso dall’Espresso.it.

Precisiamo che l’articolo, dal titolo Mafia e ‘ndrangheta nuovo allarme in Liguria Dossier della Direzione Nazionale: Riciclaggio e reinvestimento speculativo”,  è del 2009

La relazione annuale DNA del dicembre 2010 non cita mai la famiglia Fotia e quindi annulla la relazione antimafia del 2008 citata nell’articolo da noi pubblicato.

Di seguito pubblichiamo la diffida e l’invito ad eleminare il suddetto articolo inviatoci dagli avvocati dei fratelli Fotia

Spett.le

WWW. TRUCIOLISAVONESI .IT

Responsabile Sig. Antonio Signorile

la Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Egregio Sig.

MARCO PREVE

C\o la redazione di Genova

LA REPUBBLICA

Via XX Settembre 41 16121 Genova

Anticipata Via fax   010/5742263

 

 

I sottoscritti Avv.ti Carlo Biondi ed Emi A. Roseo nell’interesse dei Signori FOTIA DONATO, FOTIA PIETRO e FOTIA FRANCESCO                    

   RILEVANO

  • Gli esponenti sono soci della società SCAVOTER Srl, la quale da molti anni opera nel settore edile svolgendo principalmente attività di escavazioni come risulta da certificazione C.C.I.AA. di Savona.
  • LA SCAVOTER Srl pertanto è nota per essere società dei fratelli FOTIA .
  • Gli stessi hanno avuto notizia che da alcuni giorni sul sito Web denominato WWW.TRUCIOLISAVONESI.IT è stato pubblicato un articolo giornalistico, firmato Marco Preve, intitolato “Mafia e ‘ndrangheta nuovo allarme in Liguria Dossier della Direzione Nazionale: Riciclaggio e reinvestimento speculativo.
  • In tale articolo l’autore, dopo essersi ampliamente diffuso sull’argomento di cui al titolo dell’articolo, dopo avere citato il nome di magistrati noti a livello nazionale per le indagini condotte contro le associazioni di stampo mafioso, dopo avere riportato una dichiarazione di tale Christian Abbondanza “ Riciclaggio e appalti , è la mafia dei colletti bianchi che mette radici nell’economia ”, si legge: “La relazione elenca poi le famiglie di riferimento : a Savona Fameli, Fazzari, Gullace e Fotia; a Imperia Ventre, Sergi, Pellegrino e Iamundo; nel Levante De Masi, Romeo e Rosmini; a Genova Numera, Rampino, Fogliani, Asciutto. Mentre viene confermato anche quest’anno il ruolo centrale di Ventimiglia…….”.
  • Orbene tale scritto è di contenuto falso ed evidentemente e dolosamente volto   ad offendere l’onore e a reputazione dei nostri Assisititi: infatti la relazione annauale della D.N.A. del dicembre 2010, pubblicata proprio pochi giorni prima dell’apparizioni on line dell’articolo de quo, non riporta assolutamente tale frase; neppure in altro passo né in altro contesto dell’intera relazione, composta da circa 1000 pagine, si fa menzione alcuna dei Sigg. Fotia e neppure del semplice cognome Fotia.
  • E’ del tutto evidente poi che utilizzando le parole “anche quest’anno” si vuole inferire la convinzione nell’indistinta massa dei lettori telematici che la nuova ed ultima relazione riporti il cognome dei nostri Assisiti, così sottintendendo ed inducendo la convinzione in tutti i lettori (numerosi) del sito che i Sigg. Fotia appartengano ad associazione di stampo mafioso (ed in particolare alla 'ndrangheta).
  • Circostanza assolutamente falsa e priva di prova alcuna .
  • In tale contesto – in cui si omette di riferire fondamentali fatti di cronaca giudiziaria, così ottenendo il risultato di diffondere la notizia esattamente opposta a quella vera - appaiono palesemente violati tutti presupposti del diritto di cronaca.
  • Infatti il corretto esercizio del diritto di cronaca avrebbe imposto all’autore dell’articolo ed a coloro che a qualunque titolo hanno concorso alla sua pubblicazione e diffusione di divulgare la vera e corretta notizia: ovvero che la relazione annuale DNA del dicembre 2010, pur riferendo accuratamente di tutto il distretto di Genova nulla dice circa la famiglia Fotia.
  • Con ciò si deve rilevare che il disvalore penale delle affermazioni contenute nel messaggio telematico è palese e confermato dal fatto che esse non sono veritiere posto che si omette di riferire fatti determinanti ed anzi si induce in errore il lettore portandolo a credere che la relazione cui l’articolo si riferisce sia quella attuale.
  • Si precisa fin d’ora che a nulla serve il sottotitolo, aggiunto solo a seguito delle rimostranze telefoniche del Sig. Fotia Pietro: detto articolo era già stato letto da numerosi visitatori del sito ed inoltre è sempre leggibile nella sua originaria stesura cliccando sul link “Leggi dall’Espresso”.
  • In tale caso infatti la indistinta massa dei lettori telematici si troverebbe a leggere l’articolo de quo che appare sotto la testata on line del periodico l’Espresso .
  • Anche in tale caso il lettore acquisisce la assoluta convinzione che si tratti di un articolo attuale non solo per il contenuto del medesimo, di cui si è già detto, ma anche per il fatto che al lato destro della testata appare l’immagine della copertina dell’ultimo numero del settimanale, copertina che si aggiorna automaticamente ad ogni nuova pubblicazione del periodico.
  • Da quanto sopra esposto risulta di assoluta evidenza come siffatte affermazioni vadano a danneggiare pesantemente l’onore degli scriventi inducendo ad una valutazione negativa delle qualità dalle quali discende il valore sociale della persona dei nostri Assistiti ed altresì la reputazione commerciale della impresa dagli stessi gestita la quale conta diverse decine di dipendenti

Ciò posto i sottoscritti difensori

DIFFIDANO

I responsabili del sito WWW.TRUCIOLISAVONESI.IT, ed il giornalista Sig. MARCO PREVE dal perseverare nella pubblicazione dei suddetti articoli (ivi compreso quello con il sottotitolo “un articolo del 2009 relativo alla relazione antimafia del 2008”); dal pubblicare articoli sulle relazioni degli anni precedenti menzionando il cognome dei nostri assistiti   in quanto ormai superate da quella attuale, e più in generale dal perpetrare ogni condotta che possa essere direttamente e\o indirettamente diffamatoria in danno dei Sigg. FOTIA Pietro, FOTIA Francesco e FOTIA Donato. Con espresso  

                   INVITO

ad eliminare dal sito, ed anche dal correlato link a L’espresso on line,   l’articolo de quo ed a pubblicare articolo riparatorio ove con i medesimi spazi, caratteri e veste tipografica, si dia rilievo alla corretta notizia ovvero al fatto che nella ultima relazione annuale DNA del dicembre 2010 la famiglia Fotia non è oggetto di menzione alcuna.

Impregiudicata ogni azione in sede penale e civile per il risarcimento dell’ingente danno subito dai Sigg. Fotia

            Avv.ti Carlo Biondi Avv. Emi A. Roseo 

 

versione originale della diffida dei fratelli Fotia

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 






chiamaci su Skype

Il mio stato

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information