TRUCIOLI SAVONESI 
Settimanale Anno XIII
Numero 595 del 19 novembre 2017
Tel. 346 8046218
LA RASSEGNA STAMPA DELLA SETTIMANA
IL SENSO DI COLPA Stampa E-mail
Scritto da Giovanna Rezzoagli Ganci   

IL DIFFICILE CONFRONTO CON IL SENSO DI COLPA

Il senso di colpa è un’emozione con cui tutti nella vita, presto o tardi, ci dobbiamo inevitabilmente relazionare. Esistono moltissime differenze sulle modalità di confronto del singolo soggetto col senso di colpa, una parte delle quali sono determinate dal temperamento caratteriale, altre sono fortemente condizionate dal tipo di educazione primaria ricevuta e dal contesto culturale in cui si vive. Nella mia seppur modesta esperienza professionale riscontro, nella quasi totalità delle Persone che espongono le loro problematiche, una tendenza molto forte, quasi un imperativo categorico, ad autocolpevolizzarsi dei disagi che vivono.
Senza scendere nello specifico delle tecniche utilizzate in un colloquio di counseling per aiutare un soggetto a relazionarsi con se stesso e le proprie tematiche interiori, è possibile e, spero utile, porre in essere riflessioni di carattere generale che aiutino a meglio comprendere le dinamiche interiori alimentanti i meccanismi spesso perversi del senso di colpa. Partiamo dal concetto di “colpa”. Cos’è una colpa? Come si stabilisce, e soprattutto chi stabilisce, cosa sia da considerarsi una colpa? Ovviamente mi riferisco alla colpa morale percepita a livello soggettivo, non certo a quella concreta oggettiva e regolamentata attraverso le istanze giuridico-istituzionali. A livello interiore e soggettivo, molte persone reputano “colpa” tutto ciò che in realtà percepiscono come loro mancanza nei confronti di soggetti a loro vicini, non di rado mascherando con questo sentimento una rabbia ben più nascosta e molto più difficile da accettare. Mi spiego con un esempio concreto. Una donna non più giovane ma in ottime condizioni di salute, diventa parzialmente non autosufficiente dopo un intervento chirurgico; una vita normale, dedicata a marito e figli che improvvisamente va in un cortocircuito esistenziale potenzialmente devastante. Alla paura di non riuscire a recuperare la propria condizione fisica si aggiunge prepotente il senso di colpa di essere “di peso” ai propri cari.

Nel vissuto di questa Persona vi è l’assistenza prolungata verso due genitori che l’hanno generata in tarda età, evento che ha profondamente segnato la gioventù del nostro soggetto.

Dietro il senso di colpa verso figli e marito si nasconde una rabbia accettabile verso un avverso evento della vita, ma anche una marcata identificazione con le figure genitoriali “colpevoli” di aver messo al mondo una figlia in tarda età, figlia costretta suo malgrado a diventare infermiera dei genitori.

Rabbia, quest’ultima, inconfessabile perché moralmente inaccettabile, eppure vero motore della sofferenza della Persona il cui caso ho preso ad esempio. La colpa morale è strettamente connessa alla cultura di appartenenza, e ciò si evince anche nel nostro contesto sociale, ove la percezione di colpa verso chi, ad esempio, elude il fisco è sostanzialmente bassa, mentre in altre culture, specie in quelle anglosassoni, è molto alta. In buona sostanza, i sensi di colpa morali sono molto condizionati dalla cultura e, pertanto, relativi. Ciò non toglie che soggetti particolarmente fragili e con un livello di autostima basso risultino particolarmente suggestionabili ed influenzabili, con gravi ripercussioni nel vissuto. Questo scritto può, all’apparenza, sembrare dedicato agli addetti ai lavori, ma non è così. Chi è genitore, chi svolge lavori in ambito sociale, educativo, chi occupa posizioni di visibilità in ragione delle quali gode di referenzialità, a torto o a ragione, non dimentichiamo mai di essere in Italia…, non dovrebbe moralmente esimersi dal riflettere sull’influenzamento che esercita su chi lo circonda. Parimenti tutti noi, semplici esseri umani, deboli, fallaci e straordinariamente unici, dovremmo volerci abbastanza bene per non permettere a nessuno di alimentare sensi di colpa che, spesso, sono unicamente finalizzati a controllare le nostre vite.
 

Giovanna Rezzoagli Ganci

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 






chiamaci su Skype

Il mio stato

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information