Settimanale Anno XVIII
Numero 765 del 19 settembre 2021
tel 346 8046218

La prof "Natura" salva solo i suoi alunni Stampa E-mail
Scritto da FRANCO LUCERI   
 

La prof "Natura" salva solo i suoi alunni

La natura non si lascia manipolare e asservire dall'uomo: salva chi si adatta e ubbidisce alle sue leggi, e uccide chi osa devastarla e piegarla ai propri sporchi interessi.

Da geniale imprenditrice, assume e retribuisce "in natura", chi, con religioso rispetto delle leggi del Creato, prima dà il proprio lavoro e poi raccoglie i frutti.

Invece da qualche secolo gli umani si atteggiano a caporali fornitori di forza lavoro specializzata e le rifilano a milioni eserciti di maestrini so tutto io, di cui la "Prof. Natura" non sa proprio che farsene, avendo allevato, istruito e salvato per diecine di millenni solo contadini, pastori, pescatori e boscaioli, tutti con "scarpe grosse e cervello fino"; e lasciando marinare nel brodo della loro presunzione, (salvo rare e illustrissime eccezioni) quelli che, per lucrare sul lavoro altrui, invece della zappa sì affilano il cervello.

E incuranti dei bisogni di lavoro manuale della natura, hanno avviato una produzione intensiva di cacasenno arrampicatori di specchi.

Tanto geniali, che per mascherare la loro inutilità o pericolosità sociale si sono lanciati nella conquista dell'universo: partono sconfitti, dopo aver devastato il pianeta, e tornano, con grande fracasso mediatico, tutti vincitori.

Per continuare a distruggere la natura e subire, pressoché inermi, come neonati al momento del parto, uragani, terremoti, allagamenti, siccità, carestie, pandemie assassine.

Insomma, l'homo sapiens sapiens a caricatura, possiede spaventosi arsenali di offesa per tutti gli usi; ma l'armamentario che ha sviluppato per difendersi dalle calamitá naturali, indotte dalla sua stessa stupidità o rapacità, fa ridere i polli. 

Se la natura gli spara contro un virus, si cala sulla faccia un perizoma asfissiante detto mascherina, si barrica in casa terrorizzato dal virus, e senza salario, profitto e cibo, salva sto c....

Sul pianeta terra noi umani siamo ospiti e forse pure, a giudicare dall'enormità delle catastrofi che subiamo, un tantino ingombranti e indesiderati. 

Se ci illudiamo di poter sfruttare e dominare la natura facciamo i conti senza l'oste; perché se resa nemica dalla scienza e tecnologia assassine, ha tutto il potere di affamarci, ammalarci o sterminarci.

Cultura e progresso sembrano senza retromarcia e le caverne sono ormai stracolme di rifiuti tossici perciò inabitabili. Una punta di buon senso alla Mark Twain, mi sa che non guasterebbe.

Quel grande profeta, dai più considerato un burlone maestro di iperbole, in tempi non sospetti, aveva capito che "il sapone e l'istruzione non hanno effetti rapidi come un massacro, ma a lungo andare sono più micidiali".

Ora, dopo un anno e mezzo di pandemia inarrestabile, che a livello planetario sta ridicolizzando l'intero sapere umano e il relativo progresso suicida, provate voi a smentirlo.

  FRANCO LUCERI

 http://ilrebusdellaculturaumana.blogspot.com

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information