SETTIMANALE anno XVII
n° 748 del 18 aprile 2021
tel 346 8046218

Confcommercio: Regolamento sagre Stampa E-mail
Scritto da LORENZA GIUDICE Confcommercio   

Regolamento sagre - Richiesta parere

 


Nel 70% dei casi nazionali, gli eventi si dimostrano strumenti per fare cassa spacciando per locali, prodotti di scarsa qualità e senza legame con il territorio. In un momento di così profonda crisi derivante non solo dal Covid-19 in cui COMPRARE LOCALE è priorità fondamentale e assoluta, sarebbe importante cogliere uno spunto per innovare.

 Durante questo stop temporale, nell’attesa di riprendere la consuetudine che auspichiamo avvenga presto, urge dare sviluppo turistico alla distinzione tra locale e tipico (purtroppo generico), in quanto locale identifica la stretta connessione tra un prodotto e un territorio, è il nostro patrimonio enogastronomico. Sono tantissime le manifestazioni che non hanno requisiti di autenticità e non raccontano nulla dei territori dove vengono organizzate, questi eventi generano un volume d’affari su cui non ci sono imposte e contributi con grave danno per tutti quei pubblici esercizi che devono rispettare leggi molto stringenti in materia di fisco, di sicurezza alimentare, di igiene, di accessibilità.

Confcommercio pone attenzione ed è sensibile alla cancellazione di feste, sagre e fiere, causa Covid-19, in quanto il mancato supporto economico per associazioni, quali Pro loco, associazioni sportive, parrocchie e organizzazioni volontarie, sottrae una funzione importantissima, l’aggregazione sociale, che per natura ad oggi non può esistere causa rischio pandemico.

Il mondo dell'associazionismo è un importante patrimonio culturale della nostra Liguria, che vive e si nutre delle tradizioni e culture locali, tramandate e sopravvissute grazie anche al lavoro di volontariato, le manifestazioni locali dovrebbero rappresentare la promozione sociale della tipicità. A fronte di questo, l’ufficio studi di Confcommercio FIPE, ha valutato che 7,5 sagre su dieci sono giudicate di bassa qualità, ogni comune italiano ha una media di cinque sagre, per 306.000 mila giornate di attività complessiva.

Quindi Confcommercio si pone come interlocutore sul progetto complessivo del regolamento non su i singoli articoli, ogni sagra, evento, manifestazione, dovrebbe almeno farsi portatrice di indicare ai fruitori la visita dei nostri patrimoni storico culturali come hub turistico, il calendario dovrebbe prevedere la destagionalizzazione e una parte degli introiti destinato ad un capitolo specifico a beneficio della collettività.

Cordialmente.


Confcommercio Lorenza Giudice

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information