SETTIMANALE anno XVII
n° 748 del 18 aprile 2021
tel 346 8046218

A Savona la protesta dei ristoratori Stampa E-mail
Scritto da SELENA BORGNA   
A Savona la protesta dei ristoratori

 

 

Si è tenuta, presso Piazza Saffi a Savona, una protesta dei ristoratori dovuta alle norme anti-Covid che non permette agli operatori del settore di lavorare.

“Ho aperto un pub ad ottobre 2019 ed ho ricevuto ristori insufficienti”, dichiara la titolare di un pub, “e anche la chiusura alle 18 mi penalizza perché attività di questo genere lavorano soprattutto di sera”.

 


 

Parole simili da parte di un ristoratore: ”Sono stanco di fare debiti ed i ristori che mi sono arrivati corrispondono al 2% del mio guadagno normale. Le aperture a singhiozzo ci rovinano e tutti noi siamo a rischio chiusura; noi vogliamo solamente lavorare e non possiamo andare avanti così”.

 


 

“Per lo Stato possiamo lavorare e quindi non abbiamo diritto a contributi”, afferma un titolare di attività collaterale alla ristorazione, “ma siamo in difficoltà e non guadagniamo nulla”.

“Siamo qui per supportare i nostri colleghi”, sottolinea il presidente dell’associazione cuochi di Savona, “e dopo aver rispettato tutti i protocolli suggeriti da noi vogliamo lavorare. Spero che le nostre richieste vengano accolte e che ci possa essere una comunicazione più chiara; la nostra speranza è quella di poter lavorare a Pasqua”.

“La nostra categoria è stata penalizzata”, evidenzia un rappresentante degli ambulanti, “ed i ristori sono arrivati solamente la prima volta. Il mercato vive di spostamenti delle persone tra comuni e anche se siamo aperti non abbiamo clienti”.

 


 

“Noi siamo un settore collaterale ma abbiamo subito danni importanti perché organizziamo eventi e dietro di noi ci sono molti settori come fotografi, fioristi e dj. Abbiamo dovuto restituire caparre per eventi già fissati e saremo gli ultimi a ripartire visto che lavoriamo su grandi numeri di persone; gli aiuti sono irrisori ma il mio pensiero va a tutti i lavoratori precari e stagionali che non lavorano e non hanno tutele. Il nostro è un settore specifico e non possiamo reinventarci “, conclude un titolare di agenzia di organizzazione di eventi.

 

  SELENA BORGNA 

 

 















Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information