SETTIMANALE anno XVII
n° 735 del 17 gennaio 2020
tel 346 8046218

Negazionista ricoverato Stampa E-mail
Scritto da ROBERTO DAMIANI da Il Resto del Carlino   
  Negazionista ricoverato:"Non volevo capire".
Ha polmonite bilaterale e gli serve ossigeno

Roberto Damiani da Il Resto del Carlino

Si chiama Daniele Egidi, ha 54 anni, tecnico informatico in tribunale, sposato, papà di un figlio, abita a Fano. Persona colta, assennata e mite. Con una convinzione granitica, almeno fino all’altro ieri: "Il Covid-19 è un’influenza e le immagini delle corsie ospedaliere solo retorica del potere".
Poi, dopo sette giorni di febbre tra i 37 e i 38 gradi, affrontata a casa, il 30 dicembre è stato necessario per lui il ricovero in ospedale a Pesaro, reparto covid. La situazione stava degenerando: ossigenazione all’86 per cento, polmonite bilateriale, difficoltà respiratorie sempre più marcate. Ieri, Daniele Egidi ci ha chiamato per dirci questo: "Sono attaccato all’ossigeno ma respiro ancora male. La polmonite c’è. Volevo anche dire che sul Covid-19 non avevo capito niente o non volevo capire niente. Rifiutavo inconsciamente l’idea che la pandemia fosse grave, minimizzavo culturalmente l’emergenza sanitaria. Appena arrivato in ospedale, prima ancora di andare in camera, ho visto passare davanti a me 7 codici rossi per covid, cioè sette persone gravissime che avevano la precedenza. Lì, in quel momento, mi sono detto che ero stato fuori dal mondo, cieco di fronte alla realtà. Forse è anche brutto dirlo e nemmeno giusto ma per rendersi conto davvero su ciò che stiamo vivendo, bisogna passarci. Ho visto che non c’era nulla di inventato in quelle immagini televisive degli ospedali stracolmi, delle terapie intensive al collasso, degli ospedali da campo, della gente che muore. Sto cercando di capire perché rifiutavo di accettare l’allarme per il Covid-19. Forse non condividevo la gestione dell’emergenza, pensando che ci fosse un altro modo, e questo mi portava a non dare reale importanza alla pandemia. E poi sminuivo il lavoro sanitario, quei medici e infermieri che come palombari curavano i malati. Li credevo più o meno attori magari inconsapevoli di una generale messinscena. Invece è tutto vero. Vederli impegnati allo spasimo per noi, a loro rischio, visto che anche oggi 4 infermieri sono risultati positivi, è una sensazione straordinaria. Mi si è spalancato un mondo che nemmeno immaginavo, qui tutto segue una logica e un suo percorso. Se posso dare un giudizio a quello che sto vivendo qui dentro, dico non sempre va messo in discussione quello che ci capita, bisogna fidarci e affidarsi agli altri. Io non mettevo la mascherina fuori dal lavoro, la ritenevo inutile, una recita anche se non avevo comportamenti contrari alla legge. All’esterno semplicemente non la mettevo per scelta. Ma solo ora, qui, ho capito che sbagliavo". Ieri, al San Salvatore, non c’era nemmeno più l’acqua per i ricoverati. "Ho dovuto chiamare un negozio di mia fiducia – racconta Daniele Egidi – per farmi portare 10 bottiglie al pronto soccorso. C’è anche quest’emergenza, che spero venga superata. Niente è facile qui dentro: né bere né respirare"

Roberto Damiani da Il Resto del Carlino

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information