SETTIMANALE anno XVII
n° 735 del 17 gennaio 2020
tel 346 8046218

Lettura di un'immagine: Annunciazione.... Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 103
Annunciazione tra i santi Ansano
e Massima (o Margherita)
Tempera e oro su tavola (1333) di Simone Martini e Lippo Memmi Uffizi – Firenze


Questo trittico era stato commissionato a Simone Martini (Siena, 1284 cieca – Avignone, 1344 circa) e a suo cognato Lippo Memmi (Siena, 1291 circa – Siena, 1356) per l’altare di sant’Ansano posto nel transetto del Duomo di Siena dedicato all’Assunta. Nella parte centrale del trittico, dipinta da Simone Martini, vediamo l’arcangelo Gabriele che appare alla Vergine annunciandole la nascita di Gesù e la saluta con le celebri parole “Ave gratia plena Dominus tecum” scritte in rilievo sul fondo oro. L’apparizione dell’arcangelo è improvvisa, come si deduce dal mantello svolazzante e dalle ali spiegate. Malgrado l’arcangelo le porga un ramoscello d’ulivo, simbolo di pace, Maria ne è turbata, si ritrae e si chiude nel suo lungo manto scuro con il bordo ricamato con fili dorati. L’ambiente in cui avviene questa sacra rappresentazione è indefinito, ma i rari elementi visibili come il pavimento di marmo screziato, il seggio intagliato, i tessuti preziosi, il libro che Maria tiene in mano (probabile allusione alle profezie dell’Antico Testamento) e che stava leggendo prima dell’apparizione del messaggero divino , denotano uno modo di vita aristocratico caratteristico delle classi agiate del Trecento in Toscana e in Francia. Al centro della scena, in alto, vediamo la colomba dello Spirito Santo circondata da otto cherubini; al centro del pavimento marmoreo un vaso dorato con alcuni gigli, simboli di purezza virginale. I cartigli sorretti dai profeti che compaiono nei tondi incastonati nella elaboratissima cornice gotica (Geremia, Ezechiele, Isaia e Daniele) alludono al mistero dell’Incarnazione. Al lato destro del comparto centrale dell’Annunciazione è dipinto a figura intera il martire Ansano che tiene il vessillo con i colori di Siena di cui era uno dei patroni, al lato sinistro una martire, forse Massima, madre di Ansano, o santa Margherita, ritratta anch’essa a figura intera. Queste due icone sono opera di Lippo Memmi. Le figure sono disegnate con particolare attenzione alla linea di contorno, secondo lo stilema del cosiddetto “lirismo gotico”. La Vergine si ritrae e quasi si nasconde il viso con un lembo del mantello blu che ha il bordo ricamato con fili d’oro. Nell’insieme prevalgono i toni caldi, meno che nel manto blu scuro e nella veste color porpora della Vergine. L’illuminazione è frontale. Gli elementi parzialmente prospettici sono il pavimento, il seggio su cui siede la Vergine e il libro semiaperto che tiene nella mano sinistra. Il trittico è caratterizzato anche da una ben calcolata scansione architettonica: è incorniciato in alto da una specie di elaboratissima impalcatura di legno dorato che si articola in cinque archi gotici a sesto acuto con l’arco centrale più grande, quasi a richiamare l’interno di una cattedrale; lo spazio ideale per il compiersi del miracolo dell’ Annunciazione.

 

  FULVIO SGUERSO 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information