Settimanale Anno XVII
Numero 730 del 22 novembre 2020
Tel. 346 8046218

La danza al tempo del Covid Stampa E-mail
Scritto da SELENA BORGNA   
La danza al tempo del Covid;
intervista al maestro Lorenzo Semeraro

 La danza, insieme a tutte le altre categorie sportive, è stato uno dei settori più colpiti dal nuovo decreto che obbliga le strutture sportive alla chiusura e tra le realtà colpite dal nuovo decreto vi è l’ASD Arts Studio di Lorenzo Semeraro presente in Via Bonfante ad Imperia ed in Località Castelvecchio in Via Nazionale.


 Una Sua breve biografia

Nasco come danzatore dall’età di 12 anni e a 16 faccio un’audizione per il Teatro dell’Opera di Roma con esito positivo. Entro nella scuola e vi rimango per studiare fino ai 22 anni dopodichè scelgo di intraprendere la strada per diventare insegnante di danza; dopo diverse esperienze sul palcoscenico l’anno scorso, con il mio compagno Patrick ed alcuni miei familiari, ho aperto un centro fitness e una scuola di danza su due sedi : una in Località Castelvecchio in Via Nazionale e l’altra in Via Bonfante nel cuore di Oneglia.

 

Cosa significa per Lei danzare?

Per me ballare significa tutto; è l’unico modo per liberarmi dei miei problemi. Lo considero come una valvola di sfogo e ritrovo nella danza la mia strada per il futuro.

 


 

Perchè ha deciso di intraprendere questa strada?

Ho intrapreso questa strada per caso; fino a poco prima di iniziare a ballare praticavo altri sport come calcio e basket ma un giorno ho visto alla televisione un video di danza ed ho deciso di iniziare a svolgere questa attività.

 


 

Cosa si sente di dire in merito al decreto che chiude le scuole di danza e le palestre?

L’aggettivo che mi sento di dare verso questo decreto è ingiusto; la chiusura di marzo è stata giusta ma ora non è così poichè i dati scientifici dimostrano che da giugno ad oggi non sono stati trovati focolai di Covid nelle strutture sportive. Nei teatri e nei cinema, strutture colpite dalla chiusura a causa del decreto è stato provato che, dal 15 giugno fino alla chiusura, è avvenuto un solo contagio a fronte di 350.000 utenti che hanno frequentato quei locali e questo dato è stato fornito dall’AGIS (Associazione Generale Italiana Spettacolo). Fin da subito abbiamo adottato le linee guida per riaprire le attività fornite dal Ministero dello Sport e una settimana prima della chiusura il Presidente del Consiglio Conte ha detto che sarebbero stati effettuati controlli ad opera dei NAS per il rispetto delle regole; da questi controlli è emerso che il 98% delle attività era a norma e i dati dicono che dopo 15 giorni dalle chiusure non ci sia stato un calo dei contagi. La chiusura di certe attività ha solo penalizzato alcuni settori senza dare i risultati sperati.

 


 

Cosa vorrebbe dire al Presidente Conte e a tutti coloro che considerano la danza e lo spettacolo un settore di serie B?

Faccio appello all’articolo uno della Costituzione che dice che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro visto che il nostro è un lavoro e troppo spesso un maestro di danza viene visto come una persona che svolge questa attività per hobby ma la mia è una figura professionale a tutti gli effetti visto che occorre studiare e fare corsi di aggiornamento. Il mio lavoro è riconosciuto dallo Stato e per molti siamo essenziali visto che sono tante le persone che vivono su questo mestiere e studiamo tutta la vita come altre figure; abbiamo la responsabilità fisica e psicologica dei nostri allievi e senza professionalità viene meno la figura dell’insegnante. Non ci fermiamo mai, svolgiamo lezioni online ed il mio sogno è quello di riuscire a costruire un ambiente in cui ogni persona può sentirsi al sicuro avendo la possibilità di scoprire sè stesso con la libertà di esprimere le proprie emozioni; i miei allievi sono come miei figli e li tratto come tali seguendoli nelle lezioni online e tanti di loro mi vedono come un punto di riferimento. Io, come tanti altre persone, ballo per liberarmi e chi pratica danza può vedersi la vita stravolta in modo positivo o negativo; uso molto i social per sfogarmi e scrivere pensieri legati alla danza mettendomi in prima linea con umiltà contro le ingiustizie visto che la danza insegna questo. Un mio esempio è stato un coreografo americano che era solito dire che per essere danzatori bisogna essere umili ma mai modesti e tutto ciò, a mio parere, ha riscontri positivi. Io e altre associazioni del settore di Imperia abbiamo chiesto l’autorizzazione per svolgere un flashmob sabato 31 ottobre alle 11 ma la Questura ci ha negato il permesso a causa dell’ordinanza regionale che vieta le manifestazioni e abbiamo visto che altre realtà hanno fatto manifestazioni simili; il vero problema è che ci mettiamo la faccia con risultati spesso negativi. La speranza è quella di tornare presto alla normalità per fare il nostro mestiere e le strutture sono più che sicure poichè abbiamo rispettato tutte le linee guida necessarie per l’apertura e anche se ci sono arrivati gli aiuti governativi promessi vogliamo lavorare e stare con i nostri allievi.

 

Una frase che la rappresenta

Mi rappresenta molto una frase di William Shakespeare: non rovinare il tuo presente per un passato che non ha futuro.

 

 

   SELENA BORGNA 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information