Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Cinema: Blood Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA
A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Blood

Blood

GB 2012

GENERE: Thrill. DURATA: 100′ 

REGIA: Nick Murphy

ATTORI: Paul Bettany, Mark Strong, Brian Cox, Stephen Graham

In una cittadina costiera dell'Inghilterra resa inquieta da una gioventù violenta viene trovato senza vita e orribilmente devastato il corpo di una 12 enne del posto. 

Le indagini sono affidate a due fratelli detective, Joe e Chrissie, solo apparentemente sereni e giusti, in realtà carenti di controllo perchè nevrotizzati da un'infanzia e adolescenza prive di una educazione adeguata e segnata violentemente da un padre irresponsabile, affetto da disturbi psichici da una certa età in poi, impossibilitato a svolgere il suo ruolo, l'uomo è un ex poliziotto dai modi in servizio scorretti, resi abusivi o troppo personalizzati da un inconscio in cerca di appagamenti pulsionali urgenti, incontenibili, lontani dall'etica del vivere civile più ovvio.

La madre della ragazzina uccisa, del tutto sconvolta, vuole e spera ancora nella giustizia, la stampa e l'opinione pubblica premono con forza sulle istituzioni giudiziarie per avere risposte sui responsabili, gli indagatori rappresentati dai due fratelli non potendo trovare in tempi brevi il colpevole cercano di strappare, in segreto, e con la forza, una confessione a un sospettato, colpevole solo di essere un diverso fuori dal coro rappresentato quest'ultimo dal costume cittadino più convenzionale e bigotto, il sospettato è un fanatico cristiano, condannato in passato per reati sessuali non gravi, collezionista di foto di belle ragazze.

I due fratelli che sconfessano con un comportamento altezzoso le mancanze del padre di cui sono vittime, mettono in atto, con l'alibi simbolico di un padre supposto autorevole dalla società, una identificazione con lui, cimentandosi in un accanimento sempre più brutale contro il diverso sequestrato, per strappargli una confessione che comunque in quel modo non sarebbe stata valida. Finiranno per perdere il controllo e uccidere il povero sospettato. 

I sensi di colpa devasteranno per sempre le loro vite.

Film sulla scomparsa del ruolo autorevole del padre nell'era postmoderna, ossia il film è una storia sulle devastanti conseguenze che ciò comporta nelle famiglie occidentali.

Opus n. 2 di Murphy, sceneggiato da Bill Gallagher, ispirato alla serie TV Conviction (2004).

Grandi interpretazioni dei 4 protagonisti, originale linguaggio fotografico che dà spesso sostegno alle parole visualizzandone in modo più esteso il riferimento contenutistico. Atmosfere visive sempre ben contestuali ai sentimenti in gioco, aspetto fondamentale questo che rafforza la drammaticità, vera protagonista del film. Fotografia innovativa, eccezionale per bravura, di George Richmond.

 

Biagio Giordano 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
  
NEWS
        
   
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information