Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Cinema: Carol Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
CAROL

 GB-USA 2015

 GenereSent.

 Durata118′ 

RegiaTodd Haynes

 AttoriCate BlanchettRooney Mara, Kyle Chandler, Jake Lacy, Sarah Paulson, Carrie Brownstein
   

New York 1952: sono in atto persecuzioni nei confronti dei cittadini comunisti, dirette dal Governo stesso. 

Carol – borghese, colta, benestante, raffinata e seducente signora di mezza età - ha un casuale incontro con una persona, in un magazzino di giocattoli, che le cambierà la vita. Conosce, rimanendone colpita per la bellezza, una giovane commessa aspirante fotografa.

Sarà facile per lei iniziare una relazione con la ragazza, che non ama l’ambiente del proprio posto di lavoro e che vede quindi in Carol, con le sue estese influenze sociali, anche la possibilità di migliorare la propria condizione di vita.

Carol ha grosse difficoltà di rapporti col proprio marito che le impedisce di avere una vita più personalizzata rispetto alle troppo rigide convenzioni, di tipo moralistico dell’epoca. I due hanno una figlia di 4 anni che amano appassionatamente. 

Un giorno Carol fugge con la sua amante, in auto, verso il West, e maldestramente in un Motel le due accettano le confidenze di uno sconosciuto che si rivelerà essere un agente del servizio “controllo fedeltà coniugi” pagato dal marito. 

Venuta a nudo la relazione, grande sarà lo scandalo che essa susciterà nell’entourage della famiglia, a seguito di ciò il matrimonio di Carol andrà incontro a seri pericoli. Tutto precipita inesorabilmente in una direzione a lungo temuta e vanamente scongiurata dai prolungati silenzi. Il pericolo di andare verso un contenzioso in tribunale con al centro l’affidamento della bambina è grande. 

In Carol sembra prevalere, provvisoriamente, il senso di responsabilità, decide quindi di rompere, con forte sconforto, la sua relazione con la ragazza. Ma ciò per entrambe non sarà per niente facile, e il tempo chiarirà senza ombra di dubbio, che il loro era un amore straordinariamente forte, tanto potente e irrefrenabile da non poter essere interrotto per troppo tempo. Ritorneranno perciò sulle decisioni prese a suo tempo, cancellandole e ricominciando a stare di nuovo insieme, questa volta senza più indugi, pronte a tutto per difendere il loro amore dai pregiudizi e moralismi dell’epoca.

Film artisticamente riuscito perché trasmette emozioni narrative senza fratture dovute alla contraddittorietà della sceneggiatura, il filo conduttore della passione in gioco è robusto e non si spezza mai, grazie anche a una recitazione di buon valore empatico che annulla nello spettatore il senso di finzione tipico dei film non recitati al meglio  e grazie  a una sceneggiatura che non disperde i dialoghi in direzioni più complicate ma li salda abilmente in una combinazione tra parola e cosa (che rappresenta), molto convincente.

Fotografia dei primi piani eccellente per idee e tecnica esecutiva
 

 

 Rudy Giordan      

 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information