Settimanale Anno XVI
Numero 721 del 13 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Quando l'opinione pubblica viene disorientata Stampa E-mail
Scritto da RENZO BALMELLI da L'avvenire dei Lavoratori   

QUANDO L’OPINIONE PUBBLICA VIENE DISORIENTATA

  

 

SIMULACRI. Sulla pandemia che sembra non finire mai e ci complica la vita è stato scritto tutto e il contrario di tutto. E non sappiamo che cosa potrà ancora uscire dal vaso di Pandora. Ne consegue un incrocio di informazioni a volte dalla dubbia attendibilità capaci di generare confusione e incertezza tra l’opinione pubblica. Basta vedere d’altronde come ci dan dentro i negazionisti per vellicare i sentimenti più riposti e costruire consensi sulla paura. Di questa estate che sta malinconicamente finendo, ci porteremo via l’immagine -questa si vera – degli stadi vuoti, delle sagome di cartone al posto del clamore reale sugli spalti, simulacri del desiderio di normalità che fatica a ritornare. Nell’alluvione di notizie che ha sommerso tutti noi, occorre sapere scegliere bene le cose da fare per imparare a convivere col Covid nel modo migliore e per tutto il tempo necessario. Purtroppo!

 

RIMBALZO. Sarà pure scemata la carica infettiva del virus, ma l’incessante, inquietante rimbalzo dei contagi continua a tenerci col fiato sospeso. In attesa di tempi migliori, nel mondo cresce la richiesta per un rimedio sicuro, per il vaccino che finora non c’è. Il Cremlino e la Casa Bianca hanno ingaggiato un braccio di ferro a colpi di comunicati spinti dall’ansia di arrivare primi a dare l’annuncio con cui puntellare un prestigio piuttosto traballante. Ma a che pro. Esercitare pressioni su chi lavora giorno e notte nei laboratori, oppure sostituirsi ai ricercatori con proclami roboanti è un giuoco estremamente pericoloso e irresponsabile che illude e non aiuta a placare i timori. 

 

SCHIAMAZZO. All’inizio era prevalsa l'opinione che la drammatica sfida del virus portasse consiglio alla politica. Puntare al dialogo sembrava la sola via intelligente e praticabile per arrivare assieme alla soluzione migliore con proposte ragionevoli. Le buone intenzioni - ahinoi - quasi subito sono naufragate nello schiamazzo alimentato dall’ opposizione, determinata a vincere la gara di chi grida più forte. Alla vigilia di importanti elezioni regionali, che potrebbero incidere sugli assetti nazionali e sulla tenuta del governo, le ricette populiste affidate a slogan di facile suggestione hanno così evidenziato tutta la loro inadeguatezza. Ma l’esito della partita è quanto mai incerto.

 

Renzo Balmelli da  L’avvenire dei lavoratori

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information