Settimanale Anno XVI
Numero 725 del 18 ottobre 2020
Tel. 346 8046218

Una vita per l'arte Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   

UNA VITA PER L'ARTE


Gli occhiali, un papillon, una rosa rossa e il nastro della Legione d’Onore che Elena Gregori ha sistemato come ultimo gesto d’amore sul feretro del marito Philippe Daverio - morto a settant’anni all’istituto dei tumori di Milano, il 2 settembre-ultimo scorso - nella camera ardente allestita nella Sala della Passione della Pinacoteca di Brera, quasi un viatico laico per l’ultimo viaggio di una persona che si è votata alla storia dell’arte fin da quando, ancora giovinetto, trasferitosi con la famiglia a Varese, si innamorò di quella città e del dolce paesaggio lombardo del varesotto con il suo lago e i suoi castelli, così diverso da quello industriale di Mulhouse, in Alsazia, dove era nato, quarto di sei figli, il 17 ottobre 1949 da madre alsaziana, Aurelia Hauss, e padre italiano.

Napoleone Daverio, costruttore. Philippe, dopo aver frequentato la Scuola Europea di Varese si iscrive alla Bocconi di Milano, supera tutti gli esami ma non scrive la tesi e non si laurea, i suoi veri interessi sono orientati al mondo dell’arte e degli artisti e diventa ben presto una personalità di spicco nell’ambiente artistico-culturale milanese e non solo: nel corso degli anni ha aperto diverse gallerie d’arte contemporanea a Milano (la più famosa in Via Montenapoleone) e a New York. Esperto di tutta l’arte dall’antichità classica ai giorni nostri era però uno specialista indiscusso nel campo dell’arte italiana del XX secolo.


 

Oltre che gallerista è stato anche editore: ha pubblicato il Catalogo ragionato dell’opera di Giorgio de Chirico fra il 1924 e il 1939; il Catalogo generale e ragionato dell’opera di Gino Severini, Fillia e le avanguardie tra le due guerre. Della sua vastissima produzione saggistica ricorderò soltanto Ver sacrum (Valentina Edizioni, 2004); Giuseppe Antonello Leone (Skira, 2010); Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginario (Rizzoli, 2013); il secolo spezzato delle avanguardie. Il museo immaginario. (Rizzoli, 2014); L’arte di guardare l’arte (Giunti Editore, 2017); Grand tour d’Italia a piccoli passi (Rizzoli, 2018); Racconto dell’arte occidentale dai greci alla pop art (Solferino, 2020)…

Dal 2008 ha diretto la rivista fiorentina Art e Dossier. Come si vede, Philippe Daverio ha continuato a esercitare la sua professione di storico e critico d’arte fino al suo ultimo anno di vita. Una vita quanto mai intensa e pienamente vissuta, ove si consideri che Philippe Daverio - che, per inciso, ha sempre mantenuto la cittadinanza francese, parlava cinque lingue e due dialetti, e, pur amando profondamente la cultura italiana, si sentiva cittadino europeo - è stato anche assessore nella giunta Formentini del Comune di Milano, con deleghe alla Cultura, al Tempo Libero, all’Educazione et pour cause alle Relazioni Internazionali. Nel 2009 si era candidato a consigliere provinciale di Milano nella lista civica di Filippo Penati. Nel 2011, in occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, fonda il movimento d’opinione Save Italy per la salvaguardia del patrimonio artistico, culturale, museale, urbanistico e paesaggistico unico al mondo dell’Italia (“la denominazione in inglese - ha spiegato Daverio – serve a testimoniare che il patrimonio culturale dell’Italia non appartiene solo agli italiani ma al mondo intero, anche perché il latino si studia oggi molto più a Oxford che a Pania”. E’ stato redattore di quotidiani e riviste come Panorama, Vogue, Avvenire, Il Sole 24 Ore, Quotidiano Nazionale, Style Magazine, mensile del Corriere della Sera.


Notevole è stata la sua attività di inviato e conduttore televisivo di programmi sull’arte, il più famoso e popolare dei quali è stato “Passpartout” su Rai 3, programma inopinatamente soppresso nel 2011. Daverio rivelò anche in quella occasione la sua nobiltà d’animo e la sua vena ironica: invece di dare in escandescenze, come avrebbe fatto il suo amico e collega (ma di quanto culturalmente e umanamente inferiore!) Vittorio Sgarbi, scrisse un arguto necrologio della trasmissione che vale la pena trascrivere: “E’ improvvisamente mancato Passpartout, nel pieno della sua salute. Lo compiangono la redazione tutta e centinaia di migliaia di affezionati suoi seguaci. La causa del decesso è da ascriversi probabilmente ad una pallottola vagante sparata durante il riordino amministrativo recente della Rai che si è trovata costretta a passare dall’ordinamento privato della sua gestione a quello pubblico più consono alle risorse erariali che la alimentano”.

Daverio era anche attento estimatore delle cosiddette “arti minori”, come la ceramica, il design e l’arredamento. Quanto alla ceramica, Daverio, nel suo itinerario artistico italiano a piccoli passi, non poteva non fermarsi anche ad Albisola dove ha molto apprezzato, tra le altre, le opere invero fantastiche del ceramista scultore Paolo Anselmo, e ad Albenga dove ha visitato la mostra “Magiche trasparenze. I vetri dell’antica Albingaunum”, dove è esposto il famoso Piatto Blu, definito dal Daverio “Il vetro romano più bello del mondo”. E, se lo ha detto lui, possiamo crederlo. 

 

FULVIO SGUERSO 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information