Lettura di un'immagine: Ritratto di Chaim Soutine Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 83
Ritratto di Chaim Soutine
Olio su tela (1916) di Amedeo Modigliani
Collezione privata – Parigi

Amedeo Modigliani (Dedo per i parenti e gli amici livornesi, Modì per i colleghi artisti dell’ Ecole de Paris, era nato a Livorno il 12 luglio 1884 e morì a Parigi il 24 gennaio 1920)  nel 1916, quando dipinse questo ritratto del pittore Chaim Soutine (Smilovici, Minsk, 1893 – Parigi, 1943) era uno degli artisti più affermati e ammirati nel milieu artistico e culturale dei primi due decenni del Novecento nella Parigi internazionale in cui si incontravano pittori, poeti e musicisti animati dalla volontà di trovare nuove forme di espressione artistica. Era la stagione delle cosiddette avanguardie caratterizzate dalla molteplicità dei linguaggi e dalla libertà stilistica (si pensi alle fasi o periodi della pittura del poliedrico Picasso). In questo clima avviene l’incontro tra due artisti, entrambi ebrei, ma provenienti da paesi lontani uno dall’altro: la Lituania e la Toscana, vicini di casa, o meglio, di studi, a Montparnasse. Modigliani vedeva in Soutine un altro sé stesso, più giovane di dieci anni, ardente come lui del sacro fuoco dell’arte, ma, se possibile, ancora più tormentato e angosciato. In questo ritratto del 1916, il giovane Soutine indossa un cappottino giallo ocra chiuso fino al collo e sta seduto di fronte all’amico di tre quarti, le mani posate aperte sulle gambe, con gli occhi malinconici che guardano lontano. Ha i lunghi capelli neri ben pettinati salvo un ciuffetto che gli attraversa di lato la ben costrutta fronte. Ha le labbra ben disegnate e carnose mentre un tenue rossore è diffuso sulle gote. Tutti i tre quarti della figura spiccano contro uno sfondo scuro e indeterminato. Anche in questo ritratto è subito riconoscibile lo stile del pittore: figura allungato verso l’alto, forme piatte ben circoscritte entro una linea scura, spazio bidimensionale. I colori dominanti sono il bruno, il rosso e il giallo ocra. L’ambiente è un interno imprecisato. Nella figura del pittore Soutine è come insufflata l’impronta del pittore Modigliani. Nei ritratti Modigliani rivela tutta la sua rara capacità di comprendere (cum-prehendere) e quasi di vedere l’anima di chi gli sta di fronte.

FULVIO SGUERSO

 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information