Settimanale Anno XVI
Numero 722 del 27 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Celle L. Dall'archivio storico Pericolo navi turche Stampa E-mail
Scritto da A CIVETTA   

 

SCOVATI NELL’ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI CELLE LIGURE

Faldone N. 35 Sanità - Anni 1643 – 1745

"PERICOLO NAVI TURCHE

Dispaccio

Duce e Governatore della Repp.ca di Genova Havendo havuto notitia che siano usite e per usire a danni de cristiani e particolarmente de sudditi della Rep.ca nostra, galere ed altri vascelli de Turchi i quali con stendardi finti et altre trattageme pensano di cogliere all’improvviso a predare.

Et invigilando noi quanto conviene al ben de nostri popoli, habbiamo deliberato per mezzo delle presenti lettere e patenti, far palesi tutte le suddette notitie havuto acciocchè si sappia da ogn’uno con la necessaria precauzione e vigilanza tanto in mare come in terra e che dai giusdicenti vicini alle marine si facciano fare le solite guardie per schivare ogni sinistro incontro et affinchè quanto sopra pervenga a notitia de nostri popoli si spediscano per stafetta da luogo a luogo incaricando detti nostri giudicenti il cooperare efficacemente da canto loro e quanto sopra et a mandare la patente dopo che sarà pubblicata, al giusdicente più vicino sinchè pervenghi a l’ultimo quale hara pensiero di rimandarcela in fede di che le presenti saranno impresse del nostro Sigillo e firmete dall’infrascritto nostro cancelliere.

Li 23 maggio 1653 Gio: Carlo

Trascrizione di Michele Manzi

 

 

 

Il torrione circolare della fotografia è impropriamente chiamato Mulino a vento, che dà nome alla strada carrabile a confluire in Via Boschi per raggiungerlo: meta di panoramiche passeggiate. Non sicuramente mulino, ma più probabile torre di avvistamento, costruito nel 1645, che ha sul muro interno una rudimentale scala a chiocciola per raggiugere le varie aperture sino alla sommità. Esso è posto sulla collina centrale del paese, a ca. 700 m. dal centro e ca. 200 m. di altitudine, a spaziare tutto l’ampio arco di mare. Quando, in quei lontani anni, imperversavano le scorribande dei Saraceni (*), per avvistare da lontano vele nemiche e le colonne di fumo, e di notte i fuochi, per essere avvisati dai paesi vicini degli imminenti sinistri arrivi, e per precorrere le spedizioni ’per stafetta’ di cui scrive il nostro. Di qui l’origine dei fuochi estivi a tramandare eventi o per spunto propiziatorio: a Celle sino a qualche anno fa. Tradizione diversificata ad agosto con i lumini sull’acqua spinti al largo dalla lieve tramontana di prima sera (se non è mare mosso).

 

(*) greco biz. Sarakenos, dall’arabo ‘sarqi’ orientale; termine generico per nomadi Arabi o musulmani stanziati nel Mediterraneo centro-orientale nel Medioevo Cristiano.

 

  A Civetta

 

   A Civetta - Periodico di critica, cultura e informazione

E' in edicola il NUMERO 37

 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information