Settimanale Anno XVI
Numero 722 del 27 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Salvare le foreste è fondamentale Stampa E-mail
Scritto da LUCA MERCALLI da I consumatori   

 Salvare le foreste è fondamentale

 

 Gli alberi salveranno il clima e noi? In parte, ma non ce la faranno da soli. Questo in sintesi il messaggio rispetto alle mille iniziative di piantumazione che sono sicuramente utili ma non devono diventare un alibi per non impegnarsi in altri settori. Gli alberi hanno prima di tutto importanti funzioni ecologiche che chiamiamo servizi ecosistemici: contengono l’erosione dei suoli e riducono il rischio di alluvioni, permettono la penetrazione della pioggia nelle falde idriche, ospitano e difendono una ricca biodiversità, nelle nostre aree urbane aiutano a depurare l’aria e con l’ombra e l’evaporazione del loro fogliame riducono di qualche grado le temperature estive, aiutandoci a sopportare meglio le nuove ondate di calore africano. Inoltre sono elementi fondamentali della bellezza del paesaggio.

Da un po’ di tempo sempre più attenzione viene rivolta agli alberi come “pozzi di CO2” ovvero le foreste viste come serbatoi che possono sottrarre con la fotosintesi una parte delle nostre emissioni dovute alla combustione di materiali fossili – petrolio, carbone, gas. In un articolo comparso su Nature nel marzo 2020 a firma di un centinaio di ricercatori, coordinato da Wannes Hubau dell’Università di Leeds, si riporta che le foreste tropicali intatte, ovvero non disturbate dall’uomo, tra il 1990 e i primi anni 2000 circa, hanno sequestrato il 15 per cento dell’anidride carbonica emessa dalle attività umane, con un valore medio di 660 kg di carbonio per ettaro all’anno. In teoria l’aumento di CO2 nell’aria a causa delle nostre ciminiere dovrebbe fare crescere più rigogliosamente anche le foreste, in realtà lo studio evidenzia purtroppo come questa capacità di compensare le nostre emissioni stia diminuendo, soprattutto in Amazzonia, perché l’aumento della temperatura e delle siccità dovuti al riscaldamento globale causano maggior mortalità degli alberi e stress fisiologico.

Questo vuol dire che bisogna assolutamente proteggere le foreste tropicali per non causare un’ulteriore perdita di efficienza di questo serbatoio naturale di carbonio. Per dare una mano al clima ovviamente è corretto piantare più alberi, ma stiamo parlando di milioni di chilometri quadrati nelle zone favorevoli del pianeta, non soltanto di un parco urbano qua e là, operazione più simbolica che effettiva.

Comunque tutto fa brodo, e anche un tronco in più nel nostro giardino qualche quintale di CO2 lo cattura e il modo più sicuro per sottrarla a lungo termine dall’atmosfera è trasformare quel legno in mobili o travi da costruzione ripiantando subito dopo un nuovo albero. Su molti prodotti di carta e legno ormai vedete i simboli familiari del Pecf (Programme for the Endorsement of Forest Certification) o del Fsc (Forest Stewardship Council): sono la garanzia che la materia prima proviene da foreste certificate, gestite con tecniche sostenibili e non dal saccheggio illegale di quelle tropicali. Attenzione però: c’è chi pianta un albero, magari con un programma di riforestazione a distanza, e poi balza su un aereo per una vacanza esotica pensando di essersi messo la coscienza a posto. In realtà, per ridurre veramente le emissioni, bisogna piantare l’albero e non prendere l’aereo…

 

 

LUCA MERCALLI 

 

 Da il mensile  dei soci Coop “I Consimatori” 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information