Settimanale Anno XVI
Numero 702 del 29 marzo 2020
Tel. 346 8046218
Lettura di un'immagine: Ophelia Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’IMMAGINE 70
Ophelia
Olio su tela (1851 – 1852) di John Everett Millais
Tate Gallery – Londra

 La tela ha I due angoli superiori tagliati e si sviluppa orizzontalmente perché era destinata a ornare un baldacchino imperiale. Il tema di questo dipinto di John Everett Millais (Southampton, 1829 - Londra, 1896), cofondatore della confraternita artistica dei Preraffaelliti, è il suicidio per annegamento di Ofelia, l’infelice innamorata di Amleto, assurta a simbolo delle fanciulle innocenti suicidatesi per amore negato.

L’opera è oggi considerata il capolavoro del pittore inglese. Ofelia è impazzita per la morte violenta del padre, Polonio. e della follia simulata del principe Amleto, e vaga sulla riva di un torrente cogliendo e distribuendo fiori, ma, a un certo punto, cade nell’acqua e si lascia andare nella “vitrea corrente”. Il suo corpo galleggia per breve tempo a fior d’acqua; la fanciulla è ancora viva, ha le braccia e le mani aperte, lo sguardo è perso nel vuoto, la bocca è semiaperta e mormora una canzone, intorno a lei galleggiano i fiori di specie diverse che aveva raccolto, il suo corpo disteso come su un letto equoreo è circondato da piante palustri e dalla lussureggiante vegetazione che cresce selvaggia sulla riva; ma ben presto il vestito appesantito dall’acqua la trascina sul fondo fangoso del torrente.

Tutto quello che appare in questo dipinto è insieme realistico e simbolico: le piante, i fiori, i piccoli animali, la figura stessa di Ofelia così serena in quegli ultimi istanti di vita; insomma tutti i vari elementi che compongono quest’opera studiata con scrupolo naturalistico fin nei minimi particolari, oltre ad apparire per quello che sono nella forma precisa in cui sono dipinti, alludono a stati d’animo e a sentimenti rappresentati dai colori dei fiori, dalla lunga veste chiara e fatale della giovane suicida, dalle sue mani aperte, dal suo volto pallido e sognante dal quale non traspare nessun rimpianto e nessun timore della morte. E’ uno dei rari casi in cui l’estrema follia coincide con l’estrema saggezza. Un attimo prima di essere inghiottita dall’acqua.

  FULVIO SGUERSO

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information