GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 660 del 21 aprile  2019
Tel. 346 8046218
Cinema: il ponte delle spie Stampa E-mail
Scritto da BIAGIO GIORDANO   
RUBRICA DI CINEMA A CURA DI BIAGIO GIORDANO
Il ponte delle spie

 Il ponte delle spie, di Steven Spielberg, con Tom Hanks, Mark Rylance, Amy Ryan. 2015, USA, thriller, 2 ore e 22 minuti.

1957, prosegue la guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, tra gran parte del mondo capitalista e gran parte del mondo comunista.

 Avvocato americano di assicurazioni, James Donovan, di notevole forza caratteriale e intelligenza professionale, ha il difficile compito di difendere  una spia russa di nome  Rudolf Abel (è l'attore Mark Rylance premio oscar per l'interpretazione) ufficialmente pittore, che comunicava notizie delicate al proprio paese attraverso minute pellicole inserite all'interno di monete opportunamente trattate. La spia sovietica rifiuta di collaborare con il governo degli Stati Uniti cosa che, diversamente, gli avrebbe consentito una libertà vigilata  e l'ottenimento della residenza negli Stati Uniti. 

A questo punto la spia rischia la condanna a morte.

Il giudice del tribunale prima del processo invita l'avvocato Donavan a tagliar corto con le normali e lunghe procedure di difesa in quanto il fatto è ampiamente provato e di estrema gravità per la sicurezza nazionale. Donavan non demorde e fa lavorare il cervello per inventare, sul problema difesa, soluzioni credibili in grado di soddisfare, seppur un po' paradossalmente, anche le parti accusatorie. 

Donovan fa capire ai vari interlocutori che con Abel vivo si hanno più vantaggi che svantaggi, perché un giorno egli potrebbe decidere di collaborare col governo, e forse potrebbe anche diventare una importante pedina di scambio.

Alla fine del preprocesso le istituzioni giudiziarie e politiche convengono che  è meglio lasciare in vita Abel, in quanto  anche in Unione sovietica operano spie americane, che, se catturate, diventerebbero oggetto di un possibile scambio. Spie, tra l'altro, che contrariamente a quanto disposto dalle autorità, la storia dimostrerà non essere per lo più disposte a suicidarsi (come avrebbero dovuto utilizzando una apposita pastiglia letale) quando catturate dalla polizia sovietica.

 Abel sarà condannato a 30 anni di reclusione. La sua difesa costerà a Donovan grossi guai: l'opinione pubblica gli diventa ostile. Durante il processo, Donovan  riceve intimidazioni di ogni genere, anche con colpi di arma da fuoco sparati sulle finestre aperte di casa, il tutto al fine di abbandonare la difesa. 

Donovan ligio alla Costituzione statunitense non lascia il caso e propone uno scambio con una spia americana, un certo Francis Gary Powers, un pilota il cui aereo di ricognizione-fotografica, un Lockheed U2, è stato appena abbattuto nel territorio sovietico e lui anziché ingerire la pastiglia per sopprimersi si è lasciato catturare. 

Powers sarà condannato in Unione Sovietica a 10 anni di reclusione, e rimarrà inviso per viltà all'opinione pubblica americana per molto tempo, ovviamente per non aver fatto fino in fondo il proprio dovere di militare.

La procedura di scambio viene avviata a fatica, non sembra per niente facile, perché i sovietici si sentono svantaggiati: Abel sapeva molte più cose importanti di quante poteva saperne Powers pilota spia giovanissimo che agiva solo dall'alto dei cieli con macchine fotografiche poi distrutte dai sovietici.

 I sovietici tra l'altro, che dispongono della spia Powers da poche settimane, hanno ricavato da lui, sottoposto a forme di tortura non fisiche ma psicologiche, quasi nulla, e pensano invece  che Abel spia molto matura, scaltra,  operante sul territorio statunitense da tempo, possa aver dato, dopo la cattura,  informazioni molto importanti sui sistemi di sicurezza della nazione sovietica.

Lo scambio a un certo punto sembra naufragare,  ma il fatto che avrebbe dovuto avvenire nella Germania del Est, precisamente nella Berlino comunista, quindi in una nazione terza, riaprirà inaspettatamente le carte in gioco per tutti, perché anche Berlino ha da dire la sua.

Film con congegni narrativi di alto livello, che consentono una perfezione nello scorrimento dei numerosi episodi: tutti ben intrecciati e chiari. Il film si avvale di   una superlativa interpretazione di Mark Rylance nella parte della spia sovietica Abel, cosa che gli è valsa il premio Oscar per la recitazione. 

Finale troppo positivo, che esalta e afferma quelli che ritiene essere i migliori valori della famiglia media americana, dandoli quasi tutti come  consolidati e pienamente operanti.

   Biagio Giordano 

I LIBRI DI BIAGIO GIORDANO

Cliccate sulle immagini per saperne di più e per acquistarli

 
 
 
NEW
        
 
Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information