TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 672 del 14  luglio  2019
Tel. 346 8046218
Lettura di un'immagine: Le due bambine Stampa E-mail
Scritto da FULVIO SGUERSO   
LETTURA DI UN’ IMMAGINE 7
LE DUE BAMBINE”  
1912, Tempera su cartone di Felice Casorati, 
Musei Civici, Padova

 La semplicità, l’essenzialità e il “non finito” possono costituire la cifra stilistica di opere d’arte di una sconfinata bellezza; si pensi alla Pietà Rondanini e ai Prigioni di Michelangelo, o all’ Ecce puer di Medardo Rosso, o allo Studio per il ritratto di Innocenzo X di Francis Bacon, o a certe “composizioni” concettuali di un artista geniale come il torinese Giulio Paolini. Anche questa tempera su cartone del giovane Felice Casorati (Novara, 1883 – Torino, 1963), in cui su un fondo nero si stagliano i busti affiancati di due bambine bionde dall’aria triste, può considerarsi un’opera non finita, se non altro per l’assenza di uno spazio virtuale definito e preciso, chiuso o aperto che sia.

La mancanza di uno  scenario che contenga le due sorelline non toglie nulla al fascino di queste figure infantili, graziose e tenere ma come consapevoli di un destino infelice che le attende: una, la più grande, che vediamo solo di profilo, biancovestita, guarda rassegnata verso qualcosa fuori dal quadro e quindi precluso alla nostra vista;  l’altra, più piccola,  con un vestitino azzurro cosparso di brevi pennellate di blu, ha la bella testolina ovoidale rivolta verso di noi e ci guarda con i suoi nitidi occhioni celesti, quasi a chiederci chi siamo, che cosa vogliamo, quali pensieri ci attraversano e quali sentimenti proviamo di fronte al suo limpido sguardo innocente e profondo. 

 Questa tempera, sospesa tra realismo e simbolismo, risente dell’ammirazione per la pittura di Gustav Klimt, presente alla biennale veneziana del 1910, alla quale partecipò lo stesso Casorati, ma è anche un preannuncio del cosiddetto “realismo magico”, la corrente a cui aderirà nel dopoguerra e nella quale realizzerà pienamente il suo sogno artistico: “Vorrei saper proclamare la dolcezza di fissare sulla tela le anime estatiche e ferme, le cose immobili e mute, gli sguardi lunghi, i pensieri profondi e limpidi, la vita di gioia e non di vertigine, la vita di dolore e non di affanno”. Le due bambine è un esempio di come un’opera d’arte possa rappresentare stati d’animo e sentimenti profondi tramite figure immobili e mute o che “parlano con gli occhi” quando l’esterno visibile diventa, come in questo caso, una via verso l’invisibile. Sono le opere che non ci lasciano indifferenti, quelle che ci aprono mondi nuovi e che, se comprese, rivelandosi ci rivelano a noi stessi.

 FULVIO SGUERSO 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information