GLI AFORISMI DI MAURO COSMAI
TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 660 del 21 aprile  2019
Tel. 346 8046218
Noli, commercio ko Stampa E-mail
Scritto da GP da Il Letimbro   
 La crisi del settore rischia di depauperare il tessuto socio-economico del borgo, 

il Sindaco Niccoli: “Purtroppo c’è poco da fare"

Noli, commercio KO: in soli 12 mesi addio a 7 negozi

Il 2017 è stato un anno nero per i piccoli negozi del Comune di Noli. Negli scorsi dodici mesi sono stati chiusi ben sette esercizi commerciali e la situazione non sembra migliorare. I titolari, spremuti dalla crisi, incontrano ogni giorno nuove sfide, fra burocrazia, fisco e una globalizzazione che sta mangiando loro fette di mercato sempre più ampie. Così il tessuto economico, ma anche sociale, del borgo si sta inesorabilmente depauperando. E non essere un caso isolato è una magra consolazione. “La crisi commerciale non tocca solo Noli, è un problema legato alla maggior parte dei Comuni liguri ed è anche una questione di mercato globalizzato – spiega il sindaco Giuseppe Niccoli – l’e- commerce, Amazon su tutti, ha danneggiato qualunque vettore, anche i più grossi. 

 


Se prima in paesini poco abitati come il nostro resisteva una fitta rete di rapporti umani che mi spingevano, nel caso in cui avessi dovuto affrontare un acquisto, a rivolgermi a persone di fiducia, ora la gente per prima cosa utilizza lo smartphone, confronta i prezzi e si rivolge al miglior offerente. L’unico che per ora tiene è il settore degli alimentari, ma tra mille difficoltà". Insomma una situazione, in cui la crisi ha sì avuto un ruolo, ma non decisivo: “Il commercio per quanto riguarda il nostro Comune era già in flessione da tempo, la recessione ha solo acuito problemi che stavano già emergendo – riprende – non vedo soluzioni anche una volta usciti dal periodo di difficoltà economica. A reggere sono solo coloro che hanno locali di proprietà e quindi possono togliere dal bilancio dell’esercizio i canoni di locazione. Da noi hanno successo i ristoranti grazie alle ferie e al turismo, ma per esempio un settore come la pasta fresca, che una volta aveva un enorme successo, oggi fatica a restare in attivo”.

Il Comune sta comunque cercando, per quanto possibile, di aiutare gli esercenti: “Potrebbe esserci una via d’uscita, ma temo sia troppo tardi

– aggiunge Niccoli – ormai i pochi rimasti sono eroi.Speriamo nei giovani, ma non so se possa bastare”.

“Le tasse locali e il suolo pubblico incidono in maniera residuale: gli stessi commercianti chiedono raramente un aiuto all’amministrazione, perché capiscono che poco dipende dalle nostre responsabilità – conclude – dobbiamo resistere e sperare che il turismo riesca, come forza trainante, a darci prospettive

 

G.P  da  IL LETIMBRO 

E' in edicola il numero di Aprile

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Ultime da UOMINILIBERI

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Banner
Banner

dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information